Confini e misure: ingresso più facile in Croazia

Controlli al valico di confine croato-sloveno di Rupa, alle spalle di Fiume. Foto Roni Brmalj

Arrivano novità per tutti coloro che vogliono viaggiare in Croazia. La task force nazionale ha modificato alcune misure in questo senso e d’ora in poi tutte le persone che arrivano dall’Unione europea e dallo Spazio Schengen ai quali è permesso l’ingresso in base al tampone rapido, non dovranno più sottoporsi al test antigienico se rimangono in Croazia per più di 10 giorni. Dipenderà dalla misure dei loro Paesi d’origine se dovranno effettuare il test rapido antigienico al loro rientro. Inoltre, tutti coloro che sono guariti dal Covid e che hanno ricevuto almeno una dose del vaccino non avranno più l’obbligo di presentare al confine il test negativo o sottoporsi a quarantena

Facebook Commenti