Cimiteri sloveni accessibili ai cittadini croati

Il valico di confine croato-sloveno di Pasjak, alle spalle di Fiume

Da venerdì 11 settembre, tutti i cittadini croati, indipendentemente dal luogo di residenza in Croazia, possono attraversare il confine per raggiungere i cimiteri situati sul territorio della Slovenia, e più precisamente nell’area compresa dall’Accordo sul traffico interstatale e la collaborazione (Sops). Lo rende noto la Questura di Fiume, aggiungendo che ciò è reso possibile dalla decisione slovena sulla determinazione e l’attuazione delle misure per il contenimento delle malattie infettive. Al momento di attraversare il confine, i cittadini croati devono presentare una prova (ad esempio: il certificato di proprietà della tomba o simile) e rientrare in Croazia entro 24 ore.
La decisione arriva dopo le lamentele degli abitanti dei villaggi alle spalle di Fiume, vicini al confine con la Slovenia, dove si trovano i cimiteri in cui sono seppelliti i loro cari.

Facebook Commenti