Cancro al polmone. Scatta lo screening nazionale

Il fumo è causa di molte patologie

Tutti i cittadini che hanno tra i 50 e i 75 anni di età, che sono fumatori attivi, oppure lo sono stati fino a 15 anni fa, che hanno consumato almeno 30 pacchetti di sigarette all’anno, saranno inclusi nel Programma nazionale di screening e diagnosi precoce del cancro al polmone. Lo scopo del programma, messo in atto dal Ministero della Sanità di Zagabria in collaborazione con la Società toracica croata e la Casa croata della respirazione, è di ridurre nei prossimi dieci anni la mortalità complessiva per cancro al polmone del 20 per cento, salvando così oltre 500 vite all’anno. L’incidenza, infatti, riguarda 3mila persone ogni anno e la causa principale è proprio il fumo.
L’intento è di sottoporre alla TAC ad alta risoluzione e basso dosaggio (LDCT) almeno il 50 per cento dei fumatori, portando l’aspettativa di vita di 5 anni dall’attuale 10 al 15 per cento. Con la messa in pratica di questo programma la Croazia diventerà il primo Stato dell’UE a effettuare lo screening del cancro al polmone in tutta la nazione.

Facebook Commenti