Božinović: «Possibile l’adozione di misure più restrittive»

Davor Božinović, responsabile della Task force della Protezione civile nazionale. Foto: Pixsell

Durante l’odierna riunione del governo il responsabile dell’Unità di crisi nazionale per la lotta alla pandemia, il ministro degli Interni, Davor Božinović, ha confermato che sono in corso colloqui su una possibile adozione di misure più restrittive per fermare la diffusione del coronavirus. Il premier croato Andrej Plenković ha ribadito che la Task force sta seguendo attentamente l’evolversi della situazione e sta valutando i possibili passi da intraprendere. Il premier ha sottolineato in questo contesto che sono i non vaccinati a definire la dinamica del quadro epidemiologico, per cui per l’ennesima volta ha lanciato un appello ai cittadini, che non l’abbiano ancora fatto, a immunizzarsi quanto prima. Ha avvertito che tutte le 22 persone d’età inferiore ai 50 anni, decedute per Covid nel corso del mese di ottobre, non erano vaccinate.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.