Boras Mandić: «Fiume verso la chiusura totale»

Marko Boras Mandić leads dell'Unione del Quarnero. Foto Goran Kovacic/PIXSELL

L’Istria da oggi, domenica 15 marzo, è una Regione blindata: bar, ristoranti, centri benessere, parrucchieri… hanno dovuto abbassare le serrande. I negozi di alimentari sono aperti fino alle 18, dove bisogna rispettare le massime misure di prevenzione. Da venerdì 13 marzo le scuole, gli asili e le facoltà sono pure chiusi. In funzione soltanto i servizi essenziali.
E pure la Regione litoraneo-montana sta esaminando la possibilità di seguire i passi compiuti dai colleghi della Regione istriana. Anzi, sembra che sia soltanto una questione di tempo, se non di ore. Ce lo ha confermato via Twitter il responsabile della task force regionale Marko Boras Mandić: “Le misure intraprese nel Quarnero e nell’Istria sono molto simili – ha dichiarato il vicepresidente della Regione litoraneo-montana -. Condividiamo lo stesso pensiero sull’emergenza, soprattutto prendendo in considerazione la nostra posizione geografica. Perciò, anche a Fiume e dintorni, ossia nella nostra Regione, è molto probabile che le misure adottate finora vengano allargate”.

Facebook Commenti