Aereo caduto a Teheran. L’Iran ammette «Abbattuto per errore»

Il luogo in cui è caduto l'aereo abbattuto vicino allo scalo di Teheran

Dopo giorni di smentite l’Iran ha ammesso di aver abbattuto l’aereo di linea ucraino, per un errore umano. Il Quartier generale delle Forze armate iraniane ha affermato che il Boeing precipitato quattro giorni fa poco dopo il decollo dall’aeroporto “Imam Khomeini” di Teheran è stato “erroneamente e involontariamente” preso di mira dalle forze di difesa aerea iraniane che lo hanno scambiato per un aereo nemico. A bordo dell’aereo ucraino c’erano 176 persone, nessuna è sopravvissuta: 82 le vittime iraniane, 63 canadesi, 11 ucraine, 10 svedesi, 4 afghane, 3 britannici e tre tedeschi.
“La Repubblica islamica dell’Iran si rammarica profondamente per questo errore disastroso e le indagini proseguiranno per identificare e perseguire gli autori di questa grande tragedia e  di questo sbaglio imperdonabile, ha scritto il presidente iraniano Hassan Rouhani su Twitter.

Facebook Commenti