Weekend Pasqua e Pasquetta, più sole che pioggia ma occhio al vento

0
Weekend Pasqua e Pasquetta, più sole che pioggia ma occhio al vento

Configurazione ad Occhiale. E cioè, in meteorologia, quando si individuano due cicloni separati da un campo di alta pressione: i due cicloni sono le ‘lenti’, e l’alta pressione corre nel mezzo dove si trova il ponte della montatura. Al di là dell’aspetto ‘ottico’, i due cicloni si trovano al momento rispettivamente su Algeria e Turchia.

Non c’è due senza tre, e sull’estremo Nord del continente si prepara un terzo ciclone: tra Norvegia e Finlandia un’ondulazione della corrente a getto polare, la corrente dei venti in quota intorno ai 9000 metri, favorisce l’approfondimento di un ciclone colmo di aria fredda. Questo terzo ciclone potrebbe raggiungere l’area istroquarnerina nel corso di sabato con temporali e locali grandinate.

Nonostante il triplice attacco fino a venerdì, il tempo sarà in prevalenza soleggiato e decisamente caldo con punte di 28°C.  Nonostante il caldo e il sole fino a venerdì, Lorenzo Tedici, meteorologo del sito www.ilmeteo.it, teme un po’ nel prevedere bel tempo per tutti, proprio a causa della presenza dei 3 cicloni: sono previste infatti fasi più instabili durante il periodo pasquale, anche se le vere perturbazioni arriveranno da martedì 19 in poi.

Ma allora che tempo ci aspetta fino a Pasquetta? In sintesi, fino a venerdì avremo cieli velati con tanta sabbia dal deserto a “caricare” i cieli di potenziali piogge rosse. Tra venerdì e sabato le piogge e i temporali “rossi”, con la sabbia del deserto, potrebbero sporcare le auto appena lavate per le festività pasquali; in seguito la Santa Pasqua è prevista soleggiata, ma decisamente più fresca. Attenzione, però, al vento di Pasquetta.

Tutti i diritti riservati. La riproduzione, anche parziale, è possibile soltanto dietro autorizzazione dell’editore.

L’utente, previa registrazione, avrà la possibilità di commentare i contenuti proposti sul sito dell’Editore, ma dovrà farlo usando un linguaggio rispettoso della persona e del diritto alla diversa opinione, evitando espressioni offensive e ingiuriose, affinché la comunicazione sia, in quanto a contenuto e forma, civile.

No posts to display