Violenti combattimenti a Kiev: le forze russe entrano nella capitale

0
Violenti combattimenti a Kiev: le forze russe entrano nella capitale

(Adnkronos) – Le forze russe sono entrate a Kiev nella seconda giornata di guerra. Unità militari russe sono entrate nella capitale dell’Ucraina, secondo il ministero della Difesa di Kiev. “Sabotatori” russi sono stati localizzati nel distretto di Obolon nella zona nord della città, fa sapere il ministero su Facebook. L’agenzia Dpa sottolinea come si tratti di informazioni che non possono essere verificate in modo indipendente. La notizia arriva dopo che Kyiv Independent scriveva di “forze russe entrate nel distretto di Obolon”, a circa 10 chilometri dal centro di Kiev.

Ci sarebbero combattimenti in corso e il ministero della Difesa chiede agli abitanti di rimanere in casa. Il ministero ha invitato i civili a resistere, chiedendo di “informare su movimenti di truppe, preparare molotov e neutralizzare il nemico”. Postate sui canali social istruzioni ai cittadini su come realizzare bombe molotov. Intanto, secondo media locali, sono stati avvertiti degli spari vicino al quartiere governativo della capitale.

Le forze ucraine continuano a fare appello a tutti i civili, indipendentemente dall’età, a unirsi per la difesa del Paese. Secondo una “dichiarazione ufficiale” diffusa su Twitter e attribuita al comandante delle truppe, Yuri Galushkin, “oggi l’Ucraina ha bisogno di tutti”. “Tutte le procedure di adesione sono semplificate” e, secondo la dichiarazione riportata anche dalla Bbc, basta “portare solo il passaporto e il codice di identificazione” e “non ci sono limiti di età”.

“Le forze militari russe hanno sequestrato due veicoli delle Forze armate ucraine, hanno indossato le uniformi militari ucraine e muovono ad alta velocità verso il centro di Kiev”, ha reso noto in mattinata la vice ministra della Difesa ucraina, Hanna Malyar, secondo cui i due veicoli “sono seguiti da una colonna di camion militari russi”. Le forze russe potrebbero entrare oggi a Vorzel e nei villaggi appena fuori Kiev, ha aggiunto Malyar, precisando che i reparti ucraini stanno difendendo le posizioni su quattro diversi fronti nel Paese, nonostante siano in numero inferiore rispetto alle truppe russe.

Intanto poco prima delle 7 ora locale (le 6 in Italia) sono suonate le sirene degli allarmi antiaereo nella capitale e a Leopoli, nell’ovest del Paese. La capitale ucraina prima dell’alba è stata colpita da un attacco “con missili cruise o balistici”, ha detto il consigliere del ministero dell’Interno Anton Gerashchenko, mentre la Cnn ha parlato di due forti esplosioni nel centro di Kiev e di una terza a distanza. Almeno tre persone sono rimaste ferite, una delle quali in modo critico, ha riferito il sindaco della capitale Vitali Klitschko, che ha parlato della caduta di un missile su “un edificio residenziale in via Kosice”.

Kiev è stata colpita da “un orribile attacco missilistico”, la denuncia in un tweet del ministro degli Esteri ucraino Dmitro Kuleba: “L’ultima volta che la nostra capitale ha sperimentato qualcosa del genere è stato nel 1941, quando è stata attaccata dalla Germania nazista. L’Ucraina sconfisse il male e lo sconfiggeremo anche questa volta. Fermare Putin. Isolare la Russia, tagliare tutti i rapporti”.

Le forze ucraine hanno intanto abbattuto un aereo russo su Kiev, ha reso noto un consigliere del ministero dell’Interno, secondo cui un edificio residenziale di nove piani è in fiamme dopo che l’aereo è precipitato nella capitale. Il ministero della Difesa ucraino ha reso noto inoltre che i militari hanno fatto esplodere un ponte sul fiume Teteriv, a Ivankiv, una cinquantina di chilometri a nord di Kiev per bloccare l’avanzata delle forze russe verso la capitale. “Il giorno più difficile sarà oggi. Il piano del nemico è di sfondare con i carri armati da Ivankiv e Chernihiv fino a Kiev”. ha detto Gerashenko.

Un missile ha inoltre colpito l’aeroporto internazionale di Rivne, ha quindi reso noto il sindaco della città dell’oves dell’Ucraina, precisando che non si registrano gravi danni né al momento vittime. “Ci sono stati diversi morti e feriti nella notte”, spiegano le guardie di frontiera nel sudest del Paese, nella regione di Zaporizhzhya, sul mar d’Azov.

L’esercito ucraino fa sapere di combattimenti con le forze russe a nord di Kiev. “Le truppe aviotrasportate delle forze armate ucraine combattono nelle zone di Dymer e Ivankiv” dopo “l’avanzata di un gran numero di mezzi blindati del nemico”, si legge in un tweet del ministero della Difesa di Kiev. Le due località si trovano rispettivamente a 45 e 80 km dalla capitale.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display