Quarta dose, Ecdc-Ema: sì a over 60 e fragili di ogni età

0
Quarta dose, Ecdc-Ema: sì a over 60 e fragili di ogni età

(Adnkronos) – “In Europa è attualmente in corso una nuova ondata” di Covid-19, “con tassi crescenti di ricoveri in ospedale e in terapia intensiva”. Pertanto, sulla quarta dose, “ora è fondamentale che le autorità sanitarie pubbliche considerino le persone tra i 60 e i 79 anni, nonché i vulnerabili di età, per un secondo booster” di vaccino contro Sars-CoV-2. Così il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) e l’Agenzia europea del farmaco (Ema), in una dichiarazione congiunta in cui raccomandano di procedere ora a una quarta dose vaccinale allargata.

Il secondo booster di vaccino anti-Covid può essere somministrato a over 60 e fragili indipendentemente dall’età “almeno 4 mesi dopo” l’ultima dose, “con particolare attenzione alle persone che hanno ricevuto il richiamo precedente più di 6 mesi fa”, precisano Ecdc ed Ema, confermando che “i vaccini attualmente autorizzati continuano a essere altamente efficaci nel ridurre i ricoveri ospedalieri per Covid-19, le forme gravi di patologia e i decessi”, anche mentre circolano nuove “varianti emergenti di Sars-CoV-2”.

“Al momento, non ci sono evidenze chiare a sostegno della somministrazione di un secondo booster a persone di età inferiore ai 60 anni che non sono più a rischio di malattia grave. Né ci sono prove chiare a supporto di un secondo booster anticipato agli operatori sanitari o a coloro che lavorano in case di cura, a meno che non siano ad alto rischio” di forme gravi di patologia, puntualizzano.

“Tuttavia, è probabile che i residenti delle case di cura siano a rischio di malattia grave e dovrebbero essere presi in considerazione per dosi di richiamo in linea con le raccomandazioni nazionali”, aggiungono, sostenendo quindi la quarta dose già prevista in Italia per i residenti delle Rsa.

“Ecdc ed Ema hanno invitato le autorità sanitarie pubbliche in tutta l’Unione europea a pianificare ulteriori richiami” di vaccino anti-Covid “durante le stagioni autunnale e invernale per le persone a più alto rischio di malattia grave, possibilmente combinando le vaccinazioni contro Covid-19 con quelle contro l’influenza” stagionale.

“I Nitag, gruppi consultivi tecnici nazionali per l’immunizzazione – aggiungono – decideranno” a livello dei singoli Stati “su chi dovrebbe ricevere un nuovo richiamo, tenendo conto della situazione” epidemiologica “nei loro Paesi”.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display