Omicron, Moderna: “Mesi per vaccino specifico”

Moderna potrebbe impiegare mesi prima di iniziare a distribuire un vaccino anti covid specifico per la variante Omicron. Lo ha affermato l’amministratrore delegato della casa farmaceutica, Stéphane Bancel, all’emittente Cnbc. Bancel in un’intervista ha spiegato che l’efficacia degli attuali vaccini contro la variante Omicron non è nota e che in due settimane sarà possibile fare chiarezza su questo aspetto.

L’azienda potrebbe rendere disponibile in tempi brevi una dose booster da 100 microgrammi: “La dose più elevata potrebbe arrivare rapidamente, ma ci vorranno mesi prima che il vaccino specifico per la variante Omicron venga distribuito in quantità rilevanti”.

La strategia dipenderà anche dall’esito dei test in programma nelle prossime 2 settimane. “Potremmo decidere di fornire una dose più elevata del vaccino attuale per proteggere magari i soggetti ad alto rischio, gli immunodepressi, e gli anziani” che “potrebbero aver bisogno di una quarta dose”.

La variante Omicron, ora dopo ora, compare in nuovi paesi. “Riteniamo che sia presente in molte nazioni. Credo che la maggior parte dei paesi con collegamenti aerei attivi con il Sudafrica negli ultimi 7-10 giorni abbiano già casi. Potrebbero non esserne a conoscenza”.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.