Michelangelo, disegno di giovane nudo venduto per 23,1 milioni di euro

0
Michelangelo, disegno di giovane nudo venduto per 23,1 milioni di euro

Un piccolo disegno recentemente riscoperto di Michelangelo (1475-1564), dal titolo “Un giovane nudo (da Masaccio) circondato da due figure”, eseguito all’inizio della sua carriera, è stato venduto oggi all’asta da Christie’s a Parigi per 23.162.000 euro, commissioni comprese (pari a 19.645.462 sterline; 24.380.019 dollari), diventando così l’opera più costosa mai venduta dell’artista rinascimentale, il prezzo più alto mai raggiunto per un’opera su carta offerta nel continente europeo e il terzo prezzo più alto mai venduto per un disegno di un ‘Old Master’.

“Si tratta di un’opera eccezionalmente rara, uno dei pochissimi disegni di Michelangelo ancora in mani private”, ha commentato con l’Adnkronos Stijn Alsteens, direttore internazionale del dipartimento ‘Old Master Drawings’ di Christie’s. “Siamo orgogliosi di aver riscoperto questo disegno e siamo grati di essere stati incaricati della sua vendita. L’eccezionale prezzo che ha raggiunto oggi è una testimonianza della perdurante ammirazione per uno dei più grandi artisti di tutti i tempi e della forza del mercato dell’arte, in particolare per capolavori di questo calibro”.

Il banditore Victoire Gineste ha aggiunto: “La vendita all’asta di un’opera d’arte di questa portata può essere un’occasione unica nella vita. È accompagnata da un’emozione molto particolare. Desidero inoltre ringraziare i collezionisti e gli offerenti per il loro il loro tributo a uno dei più grandi artisti di tutti i tempi”.

Proveniente da una collezione privata francese, il disegno (33 x 20 cm), che rappresenta il primo nudo conosciuto di Michelangelo, era stato decretato ‘tesoro nazionale francese’, impedendo inizialmente la sua esportazione dalla Francia per un periodo di trenta mesi. Il governo francese ha recentemente rimosso questo impedimento e ha concesso la sua licenza di esportazione, permettendo al disegno di essere offerto senza alcuna restrizione.

Il disegno è stato riconosciuto per la prima volta come opera di Michelangelo nel 2019 da Furio Rinaldi, allora specialista del dipartimento di disegni antichi di Christie’s. Paul Joannides, professore emerito di storia dell’arte all’Università di Cambridge e autore dei cataloghi completi dei disegni di Michelangelo e della sua scuola all’Ashmolean Museum di Oxford e al Louvre, ha poi potuto studiare l’originale e arrivare all’attribuzione. Venduto nel 1907 all’Hôtel Drouot di Parigi come opera della scuola di Michelangelo, il disegno era sfuggito all’attenzione di tutti gli studiosi fino alla sua recente riscoperta.

Opera del giovane Michelangelo a Firenze, risalente alla fine del XV secolo, questo disegno è probabilmente il primo studio di nudo sopravvissuto dell’artista. La figura centrale dell’opera riproduce l’uomo tremante raffigurato nel Battesimo dei Neofiti, uno dei famosi affreschi della Cappells Brancacci della chiesa di Santa Maria del Carmine a Firenze del primo maestro rinascimentale italiano Masaccio (1401-1428).

Diversi altri studi di Michelangelo ispirati a Masaccio sono noti, tra cui un disegno alla Staatliche Graphische Sammlung di Monaco di Baviera e uno all’Albertina di Vienna, così come un disegno ispirato un affresco di Giotto al Louvre. Utilizzando due tonalità di inchiostro marrone, Michelangelo fa sua la figura di Masaccio esaltando la muscolatura dell’uomo e creando una figura più potente e robusta che preannuncia le sue più famose rappresentazioni del corpo umano, come il suo monumentale David in marmo alla Galleria dell’Accademia di Firenze e i suoi due Schiavi al Louvre. In uno stile completamente diverso e più energico, Michelangelo aggiunse in seguito due figure dietro l’uomo tremante, non collegate alla composizione originale di Masaccio.

La vendita di questo ben conservato disegno di Michelangelo prende posto tra le fila di altre grandi opere su carta offerte all’asta da Christie’s in anni recenti, tra cui la Testa di Musa di Raffaello, venduta a Londra per più di 29 milioni di sterline (38 milioni di dollari) nel dicembre 2009; la squisita Testa di orso di Leonardo da Vinci, che ha raggiunto quasi 9 milioni di sterline (11,8 milioni di dollari) nel 2021; un raro studio di nudo maschile di Michelangelo venduto a Londra il 4 luglio 2000 per più di 8 milioni di sterline (12 milioni di dollari), stabilendo il precedente record mondiale per un’opera dell’artista.

(di Paolo Martini)

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display