Mappa Ecdc. Croazia e Slovenia status quo, peggiora l’Italia

Foto Twitter/Ecdc

Come era prevedibile non ci sono novità per quanto concerne Croazia e Slovenia nella mappa aggiornata del Centro europeo per la prevenzione il controllo delle malattie (Ecdc). Entrambi i Paesi rimangono colorati di rosso scuro

Importanti novità invece per l’Italia, che passa tutta in rosso e in rosso scuro ella Mappa Ecdc, che si basa sulle notifiche di positivi negli ultimi 14 giorni ogni 100mila abitanti e sulla percentuale di positivi sul totale dei test effettuati.

Sono rosse Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna; mentre tutte le altre regioni dello Stivale sono in rosso scuro. Nella mappa precedente resistevano in giallo solo tre regioni (Puglia, Molise e Sardegna). Tutta l’Europa è rossa o rossa scuro, le fasce che segnalano la maggior circolazione del Sars-CoV-2, fatta eccezione per la Romania, quasi tutta in giallo, salvo Bucarest, che è rossa, e la regione meridionale dell’Oltenia, che è verde, l’unica in tutta Europa.

La Romania ha vissuto un’ondata molto dura di Covid-19 all’inizio dell’autunno, che ha provocato decine di migliaia di morti e che è stata combattuta con chiusure e restrizioni, dato che i tassi di vaccinazione sono molto bassi. La Commissione europea ha proposto tempo fa di cambiare i criteri con cui la mappa viene redatta, inserendo i tassi di vaccinazione, ma la raccomandazione non è ancora stata tradotta in pratica.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.