Grecia, scontro tra due treni: almeno 36 morti e 85 feriti

0
Grecia, scontro tra due treni: almeno 36 morti e 85 feriti

E’ salito ad almeno 36 morti il bilancio di uno scontro tra un treno passeggeri e uno merci vicino a Larissa, nella Grecia centrale. Lo riferiscono i media greci, mentre continuano le operazioni di soccorso e i tentativi di estrarre superstiti dalle lamiere. I feriti al momento sono almeno 85, mentre 194 passeggeri sono stati trasferiti a bordo di bus a Tessalonica. A essere coinvolti nello schianto un treno passeggeri proveniente da Atene e diretto alla città settentrionale di Tessalonica e un treno merci partito da Tessalonica e diretto a Larissa.

La polizia, i vigili del fuoco e le squadre di soccorso sono ancora impegnati sul luogo dell’incidente, avvenuto a circa 380 chilometri a nord di Atene.

”I miei pensieri sono con il popolo della Grecia dopo il terribile incidente ferroviario costato la vita a così tante persone la notte scorsa vicino a Larissa” ha scritto la presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen su Twitter, sottolineando che ”l’intera Europa è in lutto con voi. Auguro una pronta guarigione a tutti i feriti”.

La presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola ha espresso ”profonda tristezza per il terribile schianto tra treni vicino a Larissa in Grecia”. Su Twitter ha espresso ”le più sincere condoglianze per tutte le vittime, i loro familiari e amici”, oltre che ”gratitudine a tutti i soccorritori e allo staff medico”. Metsola ha aggiunto che ”i nostri pensieri sono rivolti al popolo della Grecia dopo questo tragico evento”.

Il ministro degli Esteri della Turchia ha espresso ”condoglianze ai parenti di coloro che hanno perso la vita” nello schianto dei treni ”e al governo greco”. In una nota, le autorità di Ankara hanno ”augurato una pronta guarigione ai feriti”.

Tutti i diritti riservati. La riproduzione, anche parziale, è possibile soltanto dietro autorizzazione dell’editore.

L’utente, previa registrazione, avrà la possibilità di commentare i contenuti proposti sul sito dell’Editore, ma dovrà farlo usando un linguaggio rispettoso della persona e del diritto alla diversa opinione, evitando espressioni offensive e ingiuriose, affinché la comunicazione sia, in quanto a contenuto e forma, civile.

No posts to display