Due anni e mezzo a Becker per bancarotta fraudolenta

0
Due anni e mezzo a Becker per bancarotta fraudolenta

Il tre volte campione di Wimbledon Boris Becker è stato condannato a due anni e mezzo di carcere da un tribunale di Londra. Becker è stato riconosciuto colpevole di quattro accuse di bancarotta fraudolenta relative al suo fallimento nel 2017.

L’ex numero uno del mondo, 54 anni, ha dichiarato bancarotta formalmente a giugno 2017, a causa di quasi 50 milioni di sterline di debiti (quasi 60 milioni di euro). Oggi commentatore della Bbc, Becker ha trasferito quasi 427.000 sterline da un conto aziendale ad altri, compresi quelli della sua ex moglie Barbara e della moglie separata Sharlely “Lilly” Becker.

L’ex tennista non ha nemmeno dichiarato la sua quota in una proprietà da 1 milione di sterline nella sua città natale di Leimen, in Germania, e non ha fornito informazioni su un prestito bancario di 825.000 sterline – del valore di 1,1 milioni di sterline con interessi – e ha occultato 75.000 azioni di un’azienda tecnologica del valore di 66.000 sterline.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display