Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    Rijeka, in diversi potrebbero partire. Heber il più richiesto dai club esteri

    By Nevio Tich Dicembre 23, 2018 154
    Rijeka, in diversi potrebbero partire. Heber il più richiesto dai club esteri Nel Pavletic/PIXSELL

    FIUME | “Non temo né gli avversari né la mia squadra, ma soltanto il fatto che durante il mercato invernale potrei restare senza diversi titolari”, aveva confessato prima dell’incontro con lo Slaven Belupo, poi rinviato a febbraio, l’allenatore del Rijeka, Igor Bišćan. E, infatti, la campagna trasferimenti sta diventando l’incubo di tutti gli allenatori di Rujevica: non dimentichiamo che gran parte degli attriti tra l’ex tecnico Matjaž Kek e la società avevano come denominatore comune il mercato, ovvero le cessioni eccellenti e il mancato arrivo di rinforzi di peso. Una storia destinata a ripetersi, visto che il club gestisce la propria attività soprattutto grazie ai ricavi che derivano dal mercato (circa l’85 per cento) e che il presidente Damir Mišković nelle ultime settimane ha più volte sottolineato la necessità di cedere qualche pezzo da novanta per far quadrare il bilancio.
    Il nome più ricorrente è ovviamente quello del brasiliano Heber. “Come sempre, ci prepariamo da tempo per una simile eventualità. Tentiamo di programmare eventuali partenze e arrivi, per quanto questo sia possibile – dice il direttore sportivo Srećko Juričić –. Ovvio che Heber sia il giocatore che calamita la maggiore attenzione da parte dei club stranieri. L’interesse concreto c’è, ma al momento non abbiamo intavolato alcuna trattativa con nessuno. Dipenderà anche dalle offerte: se arriverà una di quelle irrinunciabili, non ci resterà scelta. Il mercato deve appena iniziare, non c’è alcun motivo di accelerare i tempi. Se ne saprà di più nelle prossime settimane”.
    Il problema principale per il Rijeka al momento non è comunque Heber. Gorgon e Zuta sono in scadenza di contratto, la società ha formulato la propria offerta, ma al momento l’austriaco e il macedone-svedese rifiutano il prolungamento. Un bel “guaio”, visto che in estate rischiano di liberarsi a parametro zero, senza che il Rijeka ci guadagni nulla. “Stiamo parlando; l’intenzione della società è quella di tenerli entrambi – spiega il diesse –. Esiste, tuttavia, la possibilità di una cessione. Alex e Leonard hanno dato tanto al Rijeka e noi queste cose le sappiamo apprezzare”. Oltre a Gorgon e Zuta, a giugno scadono anche i contratti di Prskalo e Čanađija. Il Rijeka è intenzionato a offrire a entrambi un nuovo contratto, poi la palla passerà nelle mani dei diretti interessati.
    Sempre in estate scade il prestito dell’Hoffenheim al Rijeka per Antonio Mirko Čolak. L’attaccante è rinato sotto la guida di Bišćan e sta diventando sempre più una pedina insostituibile. Il milione di euro chiesto dai tedeschi potrebbe essere però un problema per le casse fiumane. “Al momento non abbiamo ancora preso una posizione in merito. Decideremo soltanto a fine stagione”, conferma Juričić. A Rujevica vogliono vedere il suo rendimento in primavera prima di decidere...

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Lunedì, 24 Dicembre 2018 10:32