Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/editfi5/public_html/editnews/components/com_k2/models/item.php on line 763

    Grobnico, pronti per il salto di qualità

    By Lucio Vidotto Dicembre 18, 2018 78
    Grobnico, pronti per il salto di qualità Goran Žiković

    FIUME | Per il circuito di Grobnico il 2018 è stato l’anno del quarantesimo anniversario della sua inaugurazione, festeggiato non solo con la torta e le candeline. A cavallo tra il 2017 e il 2018, dopo anni di tentativi falliti, la pista è stata interamente rifatta. È stato sostituito il nastro d’asfalto con una miscela di ultima generazione, ma non è stato fatto solo questo. Sono stati sistemati i cordoli e le vie di fuga, con altri interventi per aumentare il livello di sicurezza. La società che gestisce l’impianto, l’Automotodromo Grobnik, da poche settimane opera con un nuovo assetto, con l’estensione della dirigenza a tre membri. Zdenko Šantić da direttore è diventato presidente della Direzione che ha oggi tre membri. Assieme a Šantić vi sono inseriti Tamara Karlovčan che si occuperà soprattutto del lato finanziario e Robert Žiković, responsabile del settore sportivo.
    Mladen Črnjar, presidente del Moto club Kvarner e del Comitato di controllo dell’Automotodromo, ha incontrato ieri i media per presentare la nuova struttura dirigenziale e per fare il punto della situazione, facendo riferimento agli investimenti fatti e a quelli pianificati: “Dopo aver cercato di coinvolgere lo Stato, la Regione e le autonomie locali, abbiamo deciso di affrontare l’esigenza di ristrutturare il circuito attraverso un credito di 10 milioni di kune che nei prossimi anni dovremo poter restituire. Occorrerà lavorare parecchio per istituire dei rapporti con le industrie automobilistiche, sul miglioramento del livello di quelli che sono i fruitori dei nostri servii e della pista e compiere un salto di qualità per quanto riguarda le competizioni”.
    Igor Eškinja, a lungo alla guida del circuito, nonché commissario FIM, ha sottolineato che grazie ai lavori svolti la pista ha ottenuto le licenze per tutte le competizioni che si vorranno organizzare. Anche se il circuito come tale non è stato ampliato, anzi, ridotto in alcuni punti, i tempi sono scesi sensibilmente, in media di 2 secondi a giro. Per quanto riguarda il salto di qualità, ci si riferisce in modo particolare alle corse automobilistiche alle quali è stato adattato il circuito. Nell’attesa sono state riconfermate le prove del Mondiale Sidecar e le competizioni nazionali che torneranno nel 2019. Pianificando il futuro, Črnjar ha auspicato un coinvolgimento maggiore da parte della comunità che potrebbe trarre dei vantaggi economici derivanti dal turismo, ma non solo quello. Si cercano dei partner strategici per creare i presupposti con cui accedere ai fondi europei.


    Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/editfi5/public_html/editnews/templates/ts_news247/html/com_k2/templates/default/item.php on line 285
    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Martedì, 18 Dicembre 2018 12:46