Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
    ad Top header

    Istra 1961-Rijeka. Derby della verità

    By Nevio Tich Novembre 08, 2018 43
     Zoran Kvržić sta trovando parecchio spazio dopo l’arrivo in panchina di Igor Bišćan Zoran Kvržić sta trovando parecchio spazio dopo l’arrivo in panchina di Igor Bišćan Nel Pavletic/PIXSELL

    FIUME | Il 5-1 rifilato al Rudeš, ma soprattutto l’approccio alla partita da parte della squadra, hanno riportato il sereno a Rujevica. Matjaž Kek ripeteva spesso che “gli applausi a fine partita da parte dei tifosi illustrano l’indice di gradimento per quanto visto in campo”. E a giudicare dal buonumore del pubblico fiumano al triplice fischio finale, non c’è dubbio che il Rijeka visto lunedì sera sia piaciuto, e anche parecchio, ai tifosi. Con questa consapevolezza, squadra e staff tecnico sono al lavoro per preparare al meglio il derby regionale di domenica pomeriggio in casa dell’Istra 1961. Perché, al di là del fascino che gare simili comportano, vincere al Drosina avrebbe un peso specifico. Dopo il derby ci sarà infatti la pausa in campionato per gli impegni della Croazia in ambito di Nations League e al ritorno in campo i quarnerini saranno attesi da un trittico difficilissimo: Dinamo e Lokomotiva in casa, Osijek in trasferta. A ciò va aggiunta anche la gara degli ottavi di finale di Coppa Croazia con la stessa Lokomotiva, in programma il 4 dicembre, ovvero tre giorni dopo la contesa al Gradski vrt e altrettanti prima di ospitare gli zagabresi a Rujevica in ambito di campionato. Dire che da domenica sera al prossimo 8 dicembre il Rijeka si giocherà buona parte delle ambizioni stagionali è pertanto del tutto superfluo…

    Quel 3-3 di fine agosto...

    Rijeka e Istra 1961 si sono già affrontati una volta nel campionato in corso. Era il 26 agosto e a Rujevica finì a sorpresa 3-3. Una partita scoppiettante e spettacolare, con i polesi che obiettivamente avrebbero meritato anche qualcosa in più. Eravamo alla quinta giornata e il pareggio rappresentò una seria avvisaglia (qualche giorno prima ci fu anche l’eliminazione dall’Europa per mano del Sarpsborg) di quella che sarebbe poi stata una crisi a tutti gli effetti. Il lunedì seguente si era rotto qualcosa (forse anche definitivamente) sull’asse allenatore-società, con Kek che avrebbe sbattuto la porta andandosene imbufalito a Maribor, per poi fare ritorno a Fiume due giorni dopo.
    A brillare nelle file fiumane in quel primo derby stagionale fu Heber, autore di una tripletta. Il brasiliano sta pian piano ritrovando la condizione migliore dopo un periodo difficile e contro il Rudeš ha firmato una doppietta. Ma non è l’unico a dare segnali di risveglio. Oltre ad Antonio Čolak, che sotto la guida di Bišćan è praticamente rinato, un altro giocatore che sta trovando parecchio spazio è Zoran Kvržić. Complice il momento non troppo brillante del ghanese Acosty, per altro condizionato ultimamente anche da qualche noia fisica, il bosniaco si è ripreso il posto sulla fascia destra. E contro il Rudeš è stato sicuramente tra i migliori in campo, fornendo anche l’assist per Čolak in occasione del terzo gol. “Non vedevamo l’ora di scendere in campo e dimostrare di cosa siamo capaci. Negli ultimi tempi ci sono state tante critiche, alcune sicuramente meritate, ma questa squadra ha comunque notevoli potenzialità. Con il Rudeš abbiamo strameritato i tre punti e credo che ogni singolo spettatore abbia potuto notare nei giocatori la voglia di... spaccare il mondo. Dal primo all’ultimo momento abbiamo controllato la gara e il gol incassato ci ha motivati ulteriormente. Adesso ci aspetta una difficile trasferta a Pola. I derby sono sempre particolari e la tradizione conta poco o nulla. Il nostro obiettivo è chiaro: vincere al Drosina e scalare le posizioni in classifica, portando il Rijeka laddove gli compete” ha detto Kvržić.

    Da oggi in vendita i biglietti

    Da oggi a Rujevica sono in vendita i biglietti per il settore ospite, quello destinato ai tifosi del Rijeka. Il prezzo unico del tagliando ammonta a 50 kune. Oggi e domani le biglietterie saranno aperte dalle 15 alle 19, mentre sabato dalle 9 alle 13. Domenica, giorno del derby, i biglietti si potranno acquistare invece allo stadio Drosina. Al momento non è dato sapere quanti tifosi quarnerini presenzieranno esattamente alla gara, ma in ogni caso il sostegno a Gorgon e compagni non mancherà di certo.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Giovedì, 08 Novembre 2018 11:52