Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
    ad Top header

    I boys di Gračan all’esame decisivo

    By Giuliano Libanore Ottobre 12, 2018 88
    I boys di Gračan all’esame decisivo Igor Kralj/PIXSELL

    POLA | A quasi cinque anni di distanza, la nazionale Under 21 di calcio della Croazia torna a giocare una partita ufficiale a Pola. Non si tratta di una partita qualsiasi, ma di quella decisiva per staccare il visto per gli Europei di categoria in agenda l’anno prossimo in Italia e San Marino. L’avversario odierno è la Grecia, con fischio d’inizio al Drosina alle ore 18.
    Ma vediamo un po’ come si presenta la situazione? A due giornate dal termine del girone 1 gli ellenici hanno tre punti di vantaggio sulla nazionale di Nenad Gračan. In caso di vittoria la Croazia raggiungerebbe gli avversari odierni al primo posto in classifica facendo un grandissimo passo avanti in quanto nell’ultimo turno Vlašić e soci sono attesi dal facile compito chiamato San Marino. In Grecia finì 1-1, per cui in caso di vittoria la Croazia sarebbe avvantaggiata negli scontri diretti. In caso contrario l’Under 21 croata accederà agli spareggi tra le quattro migliori seconde classificate.
    “Quella di oggi è la partita più importante della generazione – spiega Nenad Gračan –. E questa è una generazione molto buona, che merita la rassegna continentale in quanto c’è molto talento, che però bisogna sprigionare sul rettangolo di gioco contro un avversario ostico, ancora imbattuto nel girone”.
    L’ex allenatore di Rijeka e Istra, ha parole di lode nei confronti dell’avversario. “Si tratta di una nazionale tatticamente molto disciplinata, responsabile e composta da ottimi calciatori. Sono molto bravi nelle ripartenze per cui bisogna stare molto attenti. In difesa formano due blocchi difficili da superare, per cui ci vorrà anche molta pazienza”, ha aggiunto Gračan.
    Si diceva del talento della squadra croata. Tra i convocati sono pronti a scendere in campo tra gli altri Nikola Vlašić, che sta impressionando allo CSKA di Mosca, Borna Sosa e Josip Brekalo, che fanno bene in Germania, Alen Halilović, che in nazionale vuole fare bella figura dopo le tante panchine e tribune al Milan. E poi c’è pure un reduce del Mondiale in Russia, Duje Ćaleta Car.
    “Siamo pronti per la sfida dopo gli ottimi allenamenti dei giorni scorsi – ha detto il giocatore del Marsiglia –. L’esperienza in Russia per me è stata molto importante, in primo luogo per l’autostima. Ora sono qui per dare una mano all’Under 21. Sappiamo quanto siano importanti queste qualificazioni per una nazionale che da troppo tempo non partecipa alla fase finale dell’Europeo. Siamo una squadra forte, basta vedere le squadre di club nelle quali militano i giocatori che scenderanno il campo. Questo talento va ora messo al servizio del collettivo. In caso contrario non andremo da nessuna parte”.
    Va detto che tra i convocati ci sono anche Petar Mamić del Rijeka e Petar Bosančić dell’Istra 1961, i quali sembrano destinati alla panchina. Quest’ultimo ha preso il posto di Nikola Katić dei Glasgow Rangers, che ha dovuto dare forfait per guai fisici.
    L’incontro odierno al Drosina avrà inizio alle ore 18. Biglietti in vendita ai botteghini delle tribune nord e sud. I prezzi: 10 kune per la tribuna nord, 30 per quella est e 50 per quella ovest. La sud sarà invece riservata per i ragazzi delle giovanili dei club istriani.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Venerdì, 12 Ottobre 2018 08:56