Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    Primorje promosso alla seconda fase

    By Lucio Vidotto Ottobre 01, 2018 39
    Primorje promosso alla seconda fase Lucio Vidotto

    FIUME | Grazie alle vittorie nette e convincenti contro i tedeschi del Duisburg e i belgradesi del Partizan, il Primorje Erste bank si è assicurato la partecipazione alla seconda fase delle qualificazioni per la LEN Europa Cup di pallanuoto. Niente da fare, ieri, contro l’OSC Budapest, strafavorito al torneo fiumano e tra le squadre più accreditate per la conquista del trofeo in questa competizione. La partita, giocata in mattinata, si è conclusa per 15-7 a favore dei magiari. Per i padroni di casa è stata la la gara più facile, in quanto ininfluente, contro un’avversaria decisamente più forte.
    L’inizio è stato a dir poco sorprendente, con il Primorje che dopo i primi 8 minuti era sul 3-0. Gli ungheresi, appagati dalle due precedenti vittorie, sono scesi in vasca con sufficienza. Una volta sotto, però, hanno cominciato a fare sul serio, con determinazione, ma anche frenesia, tanto da commettere diversi errori e arrivare al riposo in svantaggio per 6-5. Per 10 minuti il Primorje è stato padrone del... campo, con un atteggiamento che ha lasciato un po’ sorpresi gli avversari. Le cose, poi, sono andate secondo i pronostici. Leader e trascinatore dell’OSC è stato il nazionale montenegrino Draško Brguljan, al quale non mancano classe ed esperienza. Ha segnato 4 gol, ma è stato anche un muro in difesa. Ai fiumani non si può rimproverare nulla, anche se 8 gol di scarto, alla fine, sembrano un po’ troppi. Nella prima fase della gara riusciva quasi tutto ai ragazzi di Hinić, che per tre volte hanno trovato il gol facile contro una difesa disorientata. A segno due volte lo slovacco Maroš Tkač e quindi Mislav Vrlić. Dopo due gol dell’OSC è stato il turno di Ian Petrić, prima di altri 3 gol degli ospiti. Grazie e due gol consecutivi di Duje Peroš dalla distanza, al giro di boa il Primorje era in vantaggio per 6-5.
    A quel punto l’OSC ha piazzato un parziale di 7-0, per un finale tranquillo in cui c’è stata ancora una rete del Primorje ad opera dell’australiano Timothy Putt e tre dei magiari per il 15-7 finale.
    Dopo essersi autoescluso dalle competizioni europee lo scorso anno, per mancanza di soldi, il club di Costabella ha superato il primo ostacolo in Coppa LEN. Il secondo torneo preliminare è in programma dal 12 al 14 ottobre. Si aspettano i sorteggi e le sedi dei tornei. Comunque sia, verrà rinviata la prima partita del Primorje nell’A-2 della Lega regionale contro il Radnički, in programma nello stesso fine settimana.

    Barać: «Una bella sorpresa»

    Soddisfatto il presidente del club Samir Barać, e non soltanto per la qualificazione: “Per me è stata una bella sorpresa, sia per il risultato che per l’atteggiamento. Abbiamo vinto le prime due partite in modo molto convincente e perso, come era nelle previsioni, nel terzo match con l’OSC. Sinceramente, conoscevamo poco le prime due avversarie e quindi non sapevamo cosa aspettarci. Devo dire che il Partizan è una sorpresa per me. Ha perso, sì, ma è anche vero che rispetto alla scora stagione è rimasto senza nove giocatori titolari. Nonostante ciò, ha nuovamente una squadra in grado di giocare. Per quanto riguarda il nostro club, posso constatare che i rinforzi si sono rivelati azzeccati, con l’australiano Putt e il serbo Aksentijević, ma uno degli aspetti che più mi incoraggia è il fatto di aver scoperto Mislav Vrlić come centroboa. Quando tornerà l’infortunato Lovro Paparić avremo una coppia davvero forte sui due metri”. Mislav, da quando fa parte della rosa titolare del Primorje, ha sempre giocato come difensore, attaccando dalla linea esterna. Sotto la guida di Hinić, per molti anni grande interprete di questo ruolo, si sta proponendo alla grande come centroboa, lì dove ha giocato e gioca tutt’ora il fratello Josip, oggi colonna della nazionale.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Lunedì, 01 Ottobre 2018 14:15