Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    Basta contributi a chi nega esodo e foibe

    La mozione è stata proposta da Piero Camber di Forza Italia La mozione è stata proposta da Piero Camber di Forza Italia

    Sospendere ogni contributo finanziario, patrocinio o concessione a beneficio di soggetti pubblici e privati che, direttamente o indirettamente, concorrano con qualunque mezzo a negare o ridurre il dramma delle foibe e dell’esodo e la loro valenza politica. Questo l’impegno che si chiede alla Giunta regionale con la mozione n. 50 a firma Piero Camber (FI) e da lui presentata al Consiglio regionale dell’FVG, che l’ha approvata all’unanimità. Al nome di Camber si sono aggiunti quelli degli altri componenti del Gruppo di FI, di Giacomelli di FdI e dei leghisti Lippolis, Spagnolo e Budai.
    La premessa del documento è un sunto di quanto si va a chiedere: “In occasione delle celebrazioni del Giorno del Ricordo sono stati organizzati diversi convegni in alcune parti d’Italia, anche a cura dell’Associazione nazionale partigiani d’Italia (ad esempio la sezione di Parma), che hanno avuto il solo fine di mettere in discussione il dramma delle foibe e delle drammatiche vicende correlate con proiezioni di video dal titolo ‘La Foiba di Basovizza: un falso storico’, ‘Norma Cossetto: un caso tutt’altro che chiaro’, firmati da chi in passato ha ricevuto contributi regionali per decine di migliaia di euro”.
    Le foibe – aveva sottolineato Camber – sono state usate quale strumento di lotta politica e di pulizia etnica, come la storiografia moderna ormai concordemente riconosce. Il consigliere aveva anche ricordato le parole del Presidente della Repubblica quando, il 9 febbraio scorso, in occasione del Giorno del Ricordo, Mattarella disse: “Non si trattò – come qualche storico negazionista o riduzionista ha provato a insinuare – di una ritorsione contro i torti del fascismo. Perché tra le vittime italiane di un odio, comunque intollerabile, che era insieme ideologico, etnico e sociale, vi furono molte persone che nulla avevano a che fare con i fascisti e le loro persecuzioni”.
    L’assessore Gibelli, parlando a nome della Giunta, ha infine affermato: “Io non credo che le verità negate si possano pesare con il numero di cadaveri: sono sempre verità negate. Non riteniamo sia giusto finanziare dei portatori di menzogna”.
    “Il principio su cui si fonda la mozione è condivisibile e per questo abbiamo deciso di votarla anche se ci sono alcuni dubbi sull’applicabilità della mozione”, ha commentato il consigliere regionale Andrea Ussai (M5S), che ha votato a favore della mozione. “Il nostro è che si possa finalmente arrivare a una verità condivisa su questo capitolo drammatico della nostra storia e che dopo troppi anni di colpevole silenzio – ha concluso – ci possano essere momenti di confronto per superare ogni divisione”.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Mercoledì, 27 Marzo 2019 10:14