Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
    ad Top header

    Istria e Quarnero. Inverno: meteo ballerino

    By Fabio Sfiligoi Dicembre 05, 2018 23
    Istria e Quarnero. Inverno: meteo ballerino Željko Jerneić

    Dopo alcuni giorni caratterizzati da temperature al di sopra della media di questo periodo, la seconda settimna di dicembre si annuncia all'insegna del freddo. Sbalzi che ci fanno chiedere, ma che inverno avremo nel Quarnerino e in Istria?

    La stessa domanda se la sono posti gli esperti del Centro meteo nazionale (DHMZ) nella consueta previsione stagionale a medio e lungo termine.  Come il Nureyev  dei tempi migliori, ci saranno sbalzi continui fra periodi temperati e classico tempo freddo più caratteristico per questo periodo. L'inverno che ci apprestiamo a vivere, sul continente e nell'Alto Adriatico “sarà contraddistinto da temperature miti al di sopra della media", recita il DHMZ: vale lo stesso anche per le altre zone del Paese. Un tanto deriva dai materiali di cui fa uso il servizio di analisi e previsioni meteo del DHMZ in base alle conclusioni emerse dalla riunione comune della settimana scorsa tra i forum sul clima, sul territorio del Mediterraneo, del nord Africa e dell'Europa sud-orientale (di cui la Croazia  è socia), riferiscono dall'Ente meteo nazionale.

    Tuttavia ciò non vuol dire che l'inverno sarà scevro di periodi in cui correnti fredde penetreranno sul territorio in maniera forte e decisa, portando la colonnina del termometro sensibilmente al di sotto dei valori abituali  anche nei periodi più freddi per il territorio. Proprio questo alternarsi di periodi temperati ad altri gelidi sarà la caratteristica  principale di quest'inverno: ciò emerge dall'analisi completa di tutti i fattori che possono essere influenti sulla ripartizione della temperature sull'emisfero nord, come temperatura sulla superficie dell'acqua di mari e oceani, manto nevoso, quantità di ghiacci ai Poli, attività solari... 

    Il primo possibile cambio di rotta apotrebbe arrivare già dalla giornata di lunedì 10, con un calo previsto di una decina di gradi. Il freddo entrerà dalla porta della Bora, quindi da nord-est, con la possibilità di nevicate anche a quote collinari sulle regioni adriatiche.
    Le previsioni inerenti le precipitazioni risultano più ardue e difficili rispetto a quelle dell'aspetto termico e, quindi, la loro affidabilità a medio-lungo tertmine è inferiore. In questo inverno sono possibili grandi attività cicloniche sul Mediterraneo e, quindi, anche sulla Croazia. Va precisato – sottolinea il DHMZ – che è difficile determinare con precisione quale tipo di precipitazione avremo (pioggia, neve, neve ghiacciata o nevischio). Considerati i continui sbalzi di cui sopra l'Ente meteo raccomanda gli utenti di seguire  previsioni meteo per periodi più brevi...

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Mercoledì, 05 Dicembre 2018 14:33