Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    Aspettando... il rinnovamento

    By Rosanna Turcinovich Giuricin Ottobre 09, 2018 97

    MONTEGROTTO | Ancora a Montegrotto il Raduno dei Fiumani Italiani nel Mondo. L’edizione precedente, quella del 2017, sarà ricordata per l’approvazione del nuovo statuto che, nonostante abbia mutato alcune caratteristiche formali ma anche sostanziali, non riesce a produrre quest’importante consapevolezza nell’immaginario collettivo. Per cui il nome di Libero Comune persiste, quasi a voler ribadire la difficoltà di un salto oltre la storia, oltre la tradizione, talmente radicata e forte che vorrebbe negare qualsiasi riferimento al futuro. Vivere nel passato è sempre stata una delle caratteristiche dell’associazionismo giuliano-dalmata che, nonostante si sforzi di proporre un’evoluzione delle cose, finisce per ritornare al punto di partenza, a quelle questioni irrisolte e irrisolvibili, che pesano come un macigno su una realtà che si sta spegnendo. Tutto ciò fa dire a Fulvio Mohoratz, nelle sue preghiere in fiuman, “spazio ai giovani”.

    Aspettando i giovani

    Perché è sempre meno incisiva la partecipazione delle seconde e terze generazioni che non hanno saputo, o voluto, raccogliere il testimone attendendo forse di essere investiti per “donazione”, dimenticando che se si vuole gestire una realtà, va conquistata con la partecipazione e le idee. Il rumore dietro le quinte purtroppo non produce progetti, attività, nuove mete legittimando un muro di gomma di volontà che non si traducono in realtà.

    Un Albo d’oro

    Per cosa verrà ricordata quindi quest’edizione del Raduno? Per il desiderio di dare una svolta al programma delle due giornate, con il coinvolgimento del Comune di Montegrotto il sabato mattina, la presenza della banda in Piazza e del sindaco davanti al Monumento ai caduti. Per la conferenza del prof. Giovanni Stelli, sul 30 ottobre 1918 a Fiume, la domenica dopo la messa.
    Per l’istituzione dell’Albo d’oro dei personaggi eccellenti con tre nomi: Konrad Eisenbihcler (Canada), Clara Rubichi (Italia) e Lumi Trentini (Australia). Per le “assenze”, di monsignor Egidio Crisman (troppo faticoso arrivare da Pisa a Montegrotto in macchina a 88 anni), e per l’assenza di Mario Stalzer, recentemente scomparso, che fu per decenni segretario generale del Libero Comune e al quale è stata assegnata una Targa alla memoria.
    Per gli auspici inviati dal Console generale d’Italia a Fiume, Paolo Palminteri, dalle associazioni di Pola (Tito Sidari) e portati dai Dalmati, il cui presidente Franco Luxardo è venuto a salutare gli amici annunciando il Raduno che i Dalmati terranno a Padova il prossimo fine settimana. E poi il discorso dell’ex Console generale Roberto Pietrosanto, fiumano per scelta.

    Le difficoltà di bilancio

    E novità di quest’anno, nonostante la “magra” partecipazione di quanti hanno superato l’età degli spostamenti, è arrivata una delegazione da Torino – Andor Brakus con Tonci Vatta e Walter Cnapich –, l’inossidabile Walter Giraldi da Washington, Mirella Tainer da New York, Marino Segnan da Bologna con novità su prossimi convegni e seminari, Silvia Cuttin da Bologna che a dicembre sarà protagonista della presentazione della realtà ebraica di Fiume, nell’ambito delle conferenze organizzate dall’Associazione Fiumani Italiani con il Museo ebraico di Padova. Il presidente Guido Brazzoduro si è soffermato sul bilancio che lamenta ancora difficoltà per lo sfasamento con cui vengono coperte le spese già affrontate sulla base di progetti presentati al ministero. FederEsuli promette la soluzione dell’impasse, ma ad oggi, mancano i soldi degli anni pregressi, non si riesce ad attivare degli automatismi che diano serenità alle associazioni.

    Conferenza sul 30 ottobre 1918

    A raggiungere i suoi fiumani anche Alessandro Cuk, vicepresidente di FederEsuli, per presentare un filmato eccezionale sul 1918, l’entrata delle truppe in città, recuperato al Festival del cinema ritrovato a Bologna. Un degno contributo alla conferenza del prof. Giovanni Stelli sul 30 ottobre 1918 a Fiume. Mentre le autorità ungheresi abbandonavano la città, si costituì immediatamente un Consiglio Nazionale Italiano, con a capo Antonio Grossich, nel salone grande della Filarmonica. Naturalmente il Consiglio Nazionale Italiano sorse in opposizione a quello croato, che aveva fatto occupare, quello stesso giorno il Palazzo del governo da alcuni militi e vi aveva insediato l’avvocato Riccardo Lenac in qualità di Conte supremo di Fiume. Il 30 ottobre fu letto il Proclama di annessione di Fiume all’Italia. L’impresa di D’Annunzio doveva ancora avere inizio e il fascismo era ancora lontano dall’affermarsi. Ecco perché non si comprende – come sottolineato da Fulvio Mohoratz – come mai la regione Liguria abbia scelto come titolo del concorso letterario riservato ogni anno ai ragazzi delle scuole che poi vengono premiati con un viaggio conoscitivo a Trieste, Istria e Fiume, l’utopia fiumana di D’Annunzio, anticipandola di un anno, su consiglio dei rappresentanti degli esuli di Roma. O forse si voleva sottolineare proprio la presa di posizione dei fiumani con Grossich. Non è dato sapere.

    Il Bus del ricordo e Castua

    Augusto Rippa Marincovich ha raccontato l’iniziativa del Bus del ricordo organizzato quest’anno a Fiume, con un percorso lungo le vie in cui i partecipanti potevano riconoscere e raccontare le loro vicende familiari.
    Tra le altre comunicazioni, il presidente Brazzoduro, ha ricordato la riesumazione a Castua dei poveri resti delle vittime del 4 maggio 1945, tra cui il senatore Gigante, che sono stati raccolti in sette cassette e portati a Udine dove si svolgerà una cerimonia il 20 ottobre prossimo alle ore 11, nel Tempio Ossario San Nicolò, dove i partecipanti potranno accedere dalle 10.30. La scelta di Udine è stata di Onorcaduti.

    Guardando alle elezioni

    Nel 2019, centenario dell’impresa dannunziana, il Raduno, probabilmente congiunto con i Dalmati, dovrebbe svolgersi nell’area del Garda con un’iniziativa particolare al Vittoriale. Il 2019 sarà anche l’anno elettorale. Già dalle prossime riunioni di Giunta verrà resa nota la tempistica sia per le candidature che per il voto. Mentre il rinnovo dei vertici FederEsuli si è appena concluso, ma sarà a breve termine. La presidenza di Antonio Ballarin rimarrà in carica fino a marzo prossimo: la sua conferma è stata accompagnata dalla raccomandazione di gestire l’attività in modo collegiale. Con una modifica allo Statuto, Guido Brazzoduro è stato nominato presidente onorario, Due sono i vicepresidenti: Davide Rossi (vicario) e Davide di Paoli Paulovich. Alla segreteria Giorgio Varisco. Tra quindici giorni si svolgerà anche il Congresso nazionale ANVGD a Roma, per verifiche statutarie.

    Una riflessione costante

    L’ANVGD sta programmando la presentazione del film Red land-Terra rossa, per il quale ha investito ingenti somme nel progetto acquistato anche dalla RAI. Ora bisognerà capire come arrivare al giusto pubblico. Molti escludono sia adatto ai ragazzi delle scuole, per la sua crudezza nelle scene dello stupro e dell’infoibamento. Troppo lungo, è stata chiesta una riduzione. E gli aggiornamenti sono continuati in due giornate in cui si è sentito in modo forte il bisogno di dare a questi incontri forse un’altra cadenza, per una riflessione costante che porti a un rinnovamento a tutto tondo che stenta a decollare.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Martedì, 09 Ottobre 2018 10:41