Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    «Sunset Boulevard» Il musical fa ritorno allo «Zajc»

    By Helena Labus Bačić Febbraio 06, 2019 74
    «Sunset Boulevard» Il musical fa ritorno allo «Zajc» Željko Jerneić

    FIUME | Il musical fa ritorno al Teatro Nazionale Croato “Ivan de Zajc”. Anche se raramente si fa strada nella programmazione teatrale, questo genere scenico-musicale viene di regola accolto con entusiasmo dal pubblico fiumano e si trova spesso nella lista dei desideri degli assidui frequentatori dello “Zajc”. Nel corso degli anni, al Teatro fiumano sono stati allestiti diversi musical, tra cui anche quelli celeberrimi che spopolavano a Broadway e al West End (ricordiamo in particolare “Kiss me, Kate” negli anni Novanta e “Il violinista sul tetto” di sette anni fa), ma si tratta di eventi eccezionali e non di una regola.

    Giunge, quindi, come una ventata di freschezza l’allestimento, primo in Croazia, di “Sunset Boulevard”, di Andrew Lloyd Webber, basato sull’omonimo celebre classico noir del 1950, diretto da Billy Wilder. Realizzato interamente con i talenti “di casa”, allo spettacolo prendono parte tutti gli ensemble dello “Zajc”, ovvero l’Opera, i Drammi Croato e Italiano e il Balletto. A due giorni dalla première, in programma domani alle ore 19, ai giornalisti è stato concesso di assistere all’inizio dello spettacolo, che si presenta intrigante e promettente.
    Come spiegato dal sovrintendente, Marin Blažević, l’idea di allestire “Sunset Boulevard” è giunta dal Mº Igor Vlajnić, il quale si è impegnato a tradurre il testo del musical e dirigerà l’esecuzione.

    Alta qualità

    Il Mº Igor Vlajnić ha rilevato che il musical di Webber, anche se un po’ meno popolare rispetto ad altri suoi successi (“Il fantasma dell’opera”, “Jesus Christ Superstar” e altri), è di alta qualità per la profondità psicologica con la quale sono stati delineati i protagonisti dell’opera. La regista Renata Carola Gatica ha osservato che questo spettacolo è caratterizzato da una carica drammatica non comune, in quanto propone una vasta gamma di sentimenti e motivi: drammi, risate, lacrime, un assassinio, uno schiaffo e quant’altro. “Si tratta di un musical che non è soltanto bella musica e divertimento, ma contiene pure una dimensione in più, che un pubblico esigente come quello fiumano saprà senza dubbio cogliere e apprezzare – ha rilevato la regista –. Il nostro Teatro non è incentrato sui musical, ma può contare su quattro ensemble eccezionali. Questo musical pone diversi quesiti e fa riflettere sulla condizione degli artisti, sul conflitto tra la loro integrità artistica e il bisogno di guadagnare per vivere in modo decoroso”, ha concluso Renata Carola Gatica.

    Tra i protagonisti un oltimer

    Alla produzione partecipano circa 150 tra attori, ballerini e musicisti, il che è ben visibile nella scena di massa con la quale si apre lo spettacolo. Almeno per questa volta – a giudicare da quanto visto ieri – il minimalismo visivo è stato messo da parte. Sul palcoscenico ha trovato il suo posto anche uno splendido oldtimer risalente agli anni Cinquanta.   
    Le coreografie sono state curate da Tihana Strmečki, la quale ha definito eccellente l’ensemble del Balletto. “Considerata la qualità dei danzatori del Teatro fiumano, abbiamo voluto dare loro un’opportunità in più di presentare tutte le loro doti nell’ambito di coreografie elaborate”, ha concluso la coreografa.
    Nel ruolo di Norma Desmond, attrice la cui carriera è ormai tramontata e che cerca disperatamente un’occasione di tornare alla ribalta nel mondo hollywoodiano, si alterneranno Olivera Baljak e Leonora Surian, le quali hanno descritto come molto complesso ed esigente il loro ruolo. Particolarmente impegnativo si è rivelato per Olivera Baljak, in quanto le parti cantate non sono adatte al suo registro vocale, per cui – come ci ha riferito – ha dovuto frequentare per alcuni mesi lezioni di canto per collocare la voce più “in alto” rispetto alla sua impostazione naturale. Nel ruolo di Joe Gillis, sceneggiatore cinematografico squattrinato, si alterneranno Nikola Nedić, Damir Kedžo e Marko Fortunato, mentre Elena Brumini, Katja Budimčić e ancora Leonora Surian si esibiranno nei panni di Betty Schaefer, dipendente di uno degli studi hollywoodiani e fidanzata di Arti. Dario Bercich e Bruno Nacinovich interpreteranno invece il ruolo del maggiordomo Max von Mayerling.
    Le repliche dello spettacolo sono in programma il 9 e l’11 febbraio, sempre alle ore 19.

    Rate this item
    (1 Vote)
    Last modified on Giovedì, 07 Febbraio 2019 11:41