Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    Bettiza e la Dalmazia protagonisti a Fiume

    Bettiza e la Dalmazia protagonisti a Fiume Cristina Golojka

    FIUME | Si terrà venerdì 12 ottobre, con inizio alle ore 18.30, negli spazi della Comunità degli Italiani di Fiume, la presentazione del libro “Enzo Bettiza e la ‘Nazione dalmata’”, del giornalista e redattore de “La Voce del popolo”, dott. Dario Saftich, inserito nella collana “Monografie”, edita dal Centro di ricerche storiche di Rovigno. Oltre all’autore, alla serata letteraria interverrà pure la caporedattrice responsabile del quindicinale “Panorama” dell’Edit nonché presidente del Consiglio d’amministrazione del Crs, Ilaria Rocchi.
    Il volume s’impernia sulla tesi di dottorato di Dario Saftich e vuole essere anche una sorta di omaggio al grande scrittore e giornalista spalatino di lingua italiana, Enzo Bettiza, scomparso lo scorso anno. Il libro prende lo spunto dalla realtà storica della componente italiana in Dalmazia, una realtà quando mai difficile, specie a partire dalla seconda metà dell’Ottocento, in una terra di frontiera, multietnica e multiculturale, sconvolta dalle lotte nazionali. Il culmine di questi conflitti è rappresentato dal dramma dell’esodo, anzi degli esodi della componente italiana che portano praticamente quasi alla scomparsa di un’antichissima presenza culturale autoctona. Enzo Bettiza descrive nella sua opera quella sorta di smarrimento dell’esule che si ritrova straniero dappertutto. Un esilio, quello di Bettiza, ma anche in fondo degli italiani di Dalmazia in genere, iniziato già in patria, tra le due guerre mondiali, a parte ovviamente l’enclave di Zara. L’esperienza personale dello scrittore e quella del suo popolo quasi scomparso nella terra natia, viene vista nel volume edito dal Crs quasi come paradigmatica delle successive vicissitudini della minoranza italiana nell’Alto Adriatico. Il titolo del libro si richiama alla “nazione dalmata” nell’accezione di Bettiza, ovvero una nazione vagheggiata, basata su una diversità dell’anima dalmata, che mai in realtà è riuscita a divenire tale nella storia.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Mercoledì, 10 Ottobre 2018 21:14