Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
    ad Top header

    La musica jazz conquista la CI di Torre

    By Erika Barnaba Settembre 14, 2018 37

    TORRE  Il jazz è una musica viva, che si basa sull’improvvisazione e a volte accade qualcosa di magico. È quello che è accaduto alla Comunità degli Italiani “Giovanni Palma” di Torre, che ha ospitato tre musicisti molto talentuosi, in un concerto jazz spettacolare. Il trio, composto da Borko Rupena, Luka Vaselinović e Luka Žužić, ha proposto un repertorio non facile, interpretandolo con leggerezza e sensibilità, come soltanto i veri professionisti sanno fare. Hanno aperto la serata con le prime due opere del Preludio di J. S. Bach, per continuare con “Green Chimneys” di Thelonious Monk. Proposto pure il brano di Carla Bley, “Ida Lupino” e “Take the A Train” di Duke Ellington, per concludere la serata con “First Song” di Charlie Haden.

    “Questo è il primo concerto Jazz che ospitiamo nella nostra Comunità – ha dichiarato Roberta Stojnić, presidente della CI di Torre –. Si tratta di tre musicisti molto bravi, ragazzi promettenti, che hanno saputo trasmettere al pubblico la loro gioia di suonare. Nei loro sguardi e sorrisi sembrava vedere dei bambini raggianti. Si sono divertiti loro ma hanno fatto sognare e divertire pure noi. Luka Žužić è nativo di Torre e membro della nostra CI. I suoi primi passi li ha fatti a quattro anni e mezzo suonando la batteria proprio nella banda d’ottoni a Torre. Vederlo oggi è stata una vera soddisfazione”, ha concluso Roberta Stojnić. E il pubblico ha apprezzato veramente i tre musicisti, premiandoli con calorosi applausi. Un momento commovente e molto sentito della serata è stato quando Luka Žužić ha dedicato uno dei brani alla nonna Nilda, presente in sala.
    Per Žužić è stata la seconda esibizione nella CI di Torre, dopo quella all’inaugurazione della sede, in presenza dell’allora Presidente della Croazia, Ivo Josipović. Luka ha iniziato a suonare il pianoforte a sei anni e nel 1998 si è iscritto alla Scuola media superiore di musica “Ivan Matetić Ronjgov” di Fiume. Da lì il suo percorso è stato sempre in salita. Il suo amore per la musica lo ha portato a conseguire nel 2008 il diploma in pianoforte all’Accademia di Musica di Zagabria e nel 2012 all’Università dell’Arte e Arti dello spettacolo di Graz. Dal 2003 è un membro permanente dell’HGM Jazz Orchestra di Zagabria, grazie alla quale ha avuto l’opportunità di esibirsi con alcuni dei migliori musicisti jazz a livello mondiale. Con la stessa Orchestra si è esibito nel 2006 al congresso IAJE jazz a New York. Ad oggi è stato in numerose tournée in diverse parti del mondo, vincendo per ben tre volte il premio di Status nella categoria jazz. Attualmente suona, compone e scrive arrangiamenti per vari artisti croati, collaborando pure con l’HGM Jazz Orchestra di Zagabria, con la Big Band del HRT, con l’Orchestra sinfonica della televisione croata HRT, con la Filarmonica di Zagabria, e numerosi altri artisti nazionali.
    Luka Veselinović, bassista e contrabbassista di successo di Fiume che vive a Zagabria, è noto per la sua collaborazione con nomi eminenti della scena musicale nazionale e mondiale, e come apprendista del prestigioso Berklee College Of Music e membro della sua band All-star jazz. Ha avuto l’opportunità di esibirsi con musicisti famosi lasciando così un’impronta importante sulla scena musicale nazionale in numerosi album. A Boston ha realizzato il suo Progetto d’autore Veselino Jazz Project, con il quale ha pubblicato l’album di debutto “Magnetic Whale” nel 2012. La sua avventura continua con la nuova pubblicazione “Romantic Egg is Going Home”.
    Borko Rupena, originario di Pinguente, ha conseguito il diploma in Scienze politiche a Zagabria. A dieci anni entra nel mondo della musica e inizia a suonare la batteria. L’amore per la musica jazz si rivela nella natia Istria e più precisamente a Grisignana. Arrivato a Zagabria per iniziare gli studi, incontra il suo mentore, Krunoslav Levačić, ora suo caro amico, e inizia una storia che lo spinge ancora oggi a esplorare il suono, il ritmo e la melodia. È nota la sua collaborazione con numerosi musicisti jazz croati e stranieri. Attualmente è membro attivo di diverse band musicali.
    Oggi, il jazz è considerato un’importante espressione artistica praticata in tutto il mondo e da diversi gruppi etnici. Anche il pubblico di Torre lo sa apprezzare.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Venerdì, 14 Settembre 2018 09:01