Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    Entro un anno il primo skatepark in Croazia

    By Marko Mrđenović Marzo 14, 2019 63

    Che siano le spiagge californiane o le strade periferiche di un’anonima cittadina poco cambia. Ovunque è possibile notare un ragazzo o una ragazza alle prese con una tavola munita di quattro ruote. Stiamo naturalmente parlando degli skater, o surfisti dell’asfalto, che hanno fatto dello skateboarding una moda. O meglio uno stile di vita, che anche tantissimi ragazzi croati hanno scelto di seguire. È la piccola Fasana, però, la località croata dove la skate culture o cultura dello skate ha attecchito maggiormente. Dunque, la prima associazione di skater dell’Istria, e forse anche della Croazia, non poteva che nascere nella cittadina istriana, dove dal 2009 opera lo skateboard club “August Šenoa”, presieduto da Nikola Racan, il cui sogno di costruire a Fasana uno dei più grandi e migliori skatepark d’Europa sta finalmente per avverarsi. L’amministrazione comunale ha infatti riconosciuto l’importanza dell’iniziativa promossa da Racan e dallo skateboard club, che entro un anno al massimo sperano di poter inaugurare il primo vero skatepark di Fasana, dell’Istria e della Croazia. Quella di Racan è addirittura più di una speranza, è quasi una certezza. Anche perché il progetto già c’è ed è anche stato presentato al pubblico. Quando? L’altra sera al Centro multimediale di Fasana.

    L’esperienza svedese

    L’onore e l’onere di presentare il progetto, approvato pure dal Comune, non poteva che spettare a Nikola Racan, che ha esordito ricordando che dal 2012 lo skateboard club “August Šenoa” – che oggi conta oltre settanta soci - è parte integrante della Comunità delle associazioni sportive. Ha inoltre evidenziato che il club è responsabile dell’organizzazione dello Skate contest del Primo maggio e del Vladimir skate film Festival di Fasana, due appuntamenti particolarmente apprezzati dagli skater della Croazia e non soltanto. Come è del resto dimostrato dalla partecipazione agli eventi dello svedese John Magnusson, uno degli skater più influenti d’Europa, ma anche project manager. Inoltre, Magnusson è il titolare della “Bryggeriet”, un’organizzazione di skater, ma anche una società specializzata nella progettazione di skatepark. A tale proposito, Racan ha detto che la società svedese con sede a Malmö (da molti considerata la capitale europea dello skateboarding) ha realizzato oltre 50 parchi per lo skate in Svezia, Danimarca e Norvegia. Inoltre, la “Bryggeriet” è responsabile dell’unico Ginnasio dello skate del mondo. Nel prosieguo del suo intervento, il presidente del club “August Šenoa” ha sottolineato che la città svedese è il migliore esempio di come una città sia riuscita ad assimilare e inglobare la skate culture nel tessuto urbano. Lo dimostra anche una dichiarazione rilasciata dal sindaco della città svedese, il quale ritiene che la costruzione di uno skatepark a Malmö è stata la migliore e la più economica forma di promozione della città, che anche grazie allo skateboarding è diventata una delle skate destination (o destinazioni per lo skate) più importanti e visitate del mondo. Che sia così se ne sono resi conto pure i vertici del Comune di Fasana, i quali su invito della Città di Malmö hanno avuto l’opportunità di visitare la località svedese e rendersi conto di persona di come lo skate abbia contribuito allo sviluppo del turismo locale. Proprio la visita in Svezia ha convinto definitivamente i vertici comunali di Fasana a sostenere l’iniziativa dello skateboard club “August Šenoa”.

    L’area prescelta

    Racan ha poi finalmente presentato il progetto del parco, che sorgerà tra il supermercato della “Plodine” e il villaggio turistico “BiVillage”. Lo skatepark avrà una superficie complessiva di circa 1.500 metri quadrati. Avrà inoltre decine di rampe e tutto quanto serve affinché il parco possa ospitare anche gare di livello internazionale, come ad esempio le qualificazioni ai Giochi Olimpici. Proprio così, le Olimpiadi. A partire dal 2020 lo skateboarding sarà ufficialmente una delle discipline a cinque cerchi. Racan ha concluso la presentazione ringraziando il sindaco, Radomir Korać, per il sostegno dato al progetto. La costruzione dello skatepark dovrebbe iniziare il prossimo mese di ottobre. I lavori dovrebbero, invece, durare all’incirca quattro mesi. Alla presentazione – in sostituzione del primo cittadino, assente per altri impegni – ha partecipato il direttore della municipalizzata “Komunalac”, Danijel Ferić, il quale ha detto che la costruzione e la successiva apertura al pubblico dello skatepark non potrà che portare benefici all’intero Comune. Alla pari di Ferić, anche la direttrice dell’Ente per il turismo di Fasana, Melita Peroković, ritiene lo skatepark un’opportunità per migliorare e ampliare la già ottima offerta turistica della località. Località che grazie allo skatepark spera di poter prolungare di molto la stagione turistica.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Giovedì, 14 Marzo 2019 10:30