Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
    ad Top header

    Parcheggi per disabili. L’usurpazione continua

    L’azione promossa ieri dalla Società degli invalidi per celebrare la Giornata internazionale delle persone portatrici di handicap, che ricorre il 3 dicembre, ha dato risultati “deludenti”. I rappresentanti della Società, in collaborazione con gli agenti della Polstrada, le guardie comunali, l’Ufficio di Stato regionale e la municipalizzata Pulaparking hanno controllato tra le 10 e le 12 il rispetto dei posti riservati ai disabili da parte degli altri conducenti nei parcheggi dei centri commerciali, dove i posti riservati agli invalidi vengono spesso usurpati dagli automobilisti, nonostante detti parcheggi siano di regola molto spaziosi e dove non è affatto un problema trovare un posto libero. Il fatto è che, comprensibilmente, quelli riservati agli invalidi si trovano vicini all’entrata, per cui spesso vengono occupati da automobilisti frettolosi, oppure incuranti del segnale che indica chiaramente a chi siano riservati. Ebbene, in soltanto due ore nei parcheggi dei vari centri commerciali che sorgono lungo la circonvallazione, dal Pevec, in Siana, fino al Plodine, in via Mutila, sono stati controllati 31 veicoli, di cui appena 19 erano “in regola“, ossia disponevano dell’apposito adesivo di accessibilità, mentre in 12 casi (circa il 40 p.c.) hanno dovuto intervenire le forze dell’ordine. Tutti i conducenti sono stati sanzionati (uno è stato demandato al pretore, in quanto si è rifiutato di pagare la multa sul posto) e in due casi gli adesivi di contrassegno della disabilità sono stati sequestrati, in quanto è stato constatato il loro uso inappropriato. In quattro casi gli agenti della Polstrada hanno fatto intervenire il carro attrezzi (ragno).
    Diremo che possono disporre degli adesivi di accessibilità le persone con un’invalidità dell’80 p.c. e non possono essere utilizzati da altre persone. Nel parcheggio del Pevec, ad esempio, nel corso dell’azione è stato sorpreso un automobilista che ha acquistato l’auto con l’adesivo di accessibilità, peraltro scaduto 4 anni fa.
    “Molta gente è convinta che nei parcheggi dei centri commerciali possa comportarsi come crede, in quanto gli agenti della Polstrada e le guardie comunali sono impegnati nel centro urbano“, ha rilevato Zuzana Hoti Radolović, segretaria della Società degli invalidi di Pola, aggiungendo che nonostante il sensibile miglioramento, bisogna impegnarsi ancora sul fronte della sensibilizzazione della cittadinanza al rispetto dei diritti dei disabili.
    Stando ai dati forniti dalle guardie comunali, dall’inizio dell’anno a tutto novembre, ben 279 automobilisti sono stati colti in contravvenzione, sia perché avevano parcheggiato l’auto sui posti riservati ai disabili, o perché l’adesivo di accessibilità era scaduto.
    Diremo infine che nella ricorrenza della Giornata internazionale dei disabili, una delegazione della Società polese ha deposto al Cimitero cittadino una corona di fiori per ricordare tutti i soci scomparsi.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Martedì, 04 Dicembre 2018 12:01