Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
    ad Top header

    Max City, ecco che ci siamo

    By Daria Deghenghi Novembre 07, 2018 70

    Sessanta negozi, tre sale cinematografiche, ristoranti, bar, un parco divertimenti, un lavaggio auto: tutto in uno. Da domani le abitudini dei polesi in fatto di acquisti cambieranno nuovamente. Se prima il polo d’attrazione è stata la periferia nord-est, ora tutte le strade porteranno a ovest. Precisamente a Stoia. Una cava di pietra abbandonata, enorme, è stata urbanizzata nel giro di un anno e mezzo, dopo una dozzina di anni di preparativi. Il risultato è impressionante proprio perché il punto di partenza è stato un’interminabile distesa di pietra grezza, scavata alla profondità di 30 e passa metri a metà strada tra il campeggio di Stoia e il rione delle Baracche. Niente l’avrebbe bonificata meglio se non una costruzione di queste fattezze che si perde nella profondità del “cratere” col vantaggio di non uscire allo scoperto e rovinare il panorama dal lato mare.

    L’edificio ha sei livelli, due sono riservati al parcheggio (800 posti), gli altri sono a uso commerciale. La lista dei negozi è piuttosto lunga, e comprende un centinaio di brand internazionali famosi come H&M, CCC, Pull&Bear, Reserved, Sport Vision, Mango, Elipso, Bershka, Stradivarius, Mojito, Sinsay. Il divertimento è assicurato dal multisala Cinestar e (per i bambini) dal Twister Fun Park. L’opera è stata realizzata dal costruttore Kamgrad di Zagabria su progetto del rinomato studio ATP Architects and Engineers. Il progettista capo è Dario Travaš. Il Max City darà lavoro a circa 500 persone.
    La cerimonia d’apertura è fissata per domani alle 10.30, all’entrata principale, quella che dà su Valcane. Alle 19 ci sarà il concerto della rock band “Vatra”. Tante le promozioni e i saldi previsti per questa giornata inaugurale. Le tre sale del Cinstar, per ogni biglietto acquistato ne regaleranno un altro. Domani (venerdì) altri appuntamenti pensati ora per un target e ora per l’altro: in mattinata (10-12) si terranno alcuni laboratori creativi per bambini (Happy City), mentre in serata (19) è in agenda una sfilata di moda che passerà in rassegna alcuni tra i più interessanti capi della collezione autunno-inverno 2018/19 in offerta al centro commerciale. Sabato mattina altre attività libere (e gratuite) per i bambini che si presume diano tempo a sufficienza ai genitori per svuotare i portafogli nei negozi e nei bar del mall. In inverno la gran parte dei punti vendita osserverà l’orario d’apertura dalle 9 alle 21, con l’eccezione dell’ipermercato della catena commerciale “Plodine” che resterà a disposizione della clientela sino alle 22, dopo avere aperto i battenti alle 7. Bar e ristoranti sceglieranno l’orario conforme alla tipologia dell’offerta. I primi giorni sono attese più visite. Si consiglia pertanto di badare ai posteggi e al traffico, ma anche di usare i mezzi pubblici. I collegamenti con Stoia sono ora anche migliori grazie agli investimenti nella rete stradale e alle nuove fermate degli autobus realizzate nelle aree costiere di Valcane, Fisella e Stoia.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Mercoledì, 07 Novembre 2018 12:04