Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    La priorità va al centro storico

    By Daniela Rotta Stoiljković Ottobre 10, 2018 50

    Il monumento storico-culturale più rappresentativo di Pola merita certo un circondario degno della sua portata o che per lo meno non lo faccia sfigurare. Le aree verdi nei dintorni dell’anfiteatro vengono regolarmente curate, valorizzando la sua estetica, ma su alcune vie ed edifici che si trovano nelle sue immediate vicinanze, ci sarebbe da ridire. La Città, tuttavia, assicura che è prossimo il riassetto della serpentina che si snoda di lato del monumento, come pure della via Drio l’Arena, che saranno messe a punto in collaborazione con il Museo archeologico dell’Istria e l’Ufficio polese per la Sovrintendenza dei beni culturali. Ma non è tutto: a pochi passi dall’Anfiteatro, nell’ambito del progetto Dolcevita, sono iniziati in questi giorni i lavori di rifacimento della facciata dell’imponente edificio che si affaccia sul largo antistante il monumento, conosciuto anche come Casa dei dottori, con entrate ai civici 17 e 19 di via dell’Istria e 8 di via dell’Anfiteatro.

    Un biglietto da visita

    “L’assetto del centro storico è una delle priorità nel presente mandato – afferma il sindaco, Boris Miletić –. Con il progetto Dolcevita intendiamo contribuire al massimo al rifacimento delle facciate degli edifici nel nucleo storico, valutando che sono proprie queste il biglietto da visita di una città che vanta una storia trimillenaria.“
    Per dare un nuovo look alla Casa dei dottori, oltre ai mezzi messi a disposizione dalla Città nell’ambito del progetto Dolcevita, i coinquilini usufruiranno pure di quelli che il Fondo per la tutela dell’ambiente e l’efficienza energetica ha assegnato ai richiedenti nel quadro del progetto di rinnovo energetico dei condomini del Programma operativo do concorrenzialità e coesione 2014-2020. Lo conferma pure il direttore delle municipalizzata Castrum Pula 97, nonchè assessore cittadino, Aleksandar Matić, sottolineando il costante impegno della municipalizzata nel rinnovo energetico dei condomini, a costi contenuti per i coinquilini. “È questo pure il caso del rinnovo della facciata della Casa dei dottori, dove oltre il 50 p.c. dei finanziamenti saranno pubblici. Un intervento piuttosto complesso, per la cui realizzazione la documentazione progettistica è stata adeguata alle condizioni dettate dai Conservatori“.
    Isolamento termico del tetto
    I lavori riguarderanno il completo rifacimento del tetto, che sarà dotato di isolamento termico, quindi il rinnovo della facciata e la sostituzione degli infissi. L’isolamento termico sarà posto pure sul soffitto dei vano al pianoterra, onde adempiere alle condizioni dettate dal Fondo in parola. A lavori ultimati, il risparmio energetico per il riscaldamento e la refrigerazione degli ambienti dovrebbe essere del 69 p.c.
    “Pola è una città prettamente turistica, dove ogni anno si svolgono più di mille manifestazioni, di cui numerose nell’Arena, soprattutto d’estate, quando il monumento diventa il centro degli eventi – ha aggiunto Matić ­–. Per avviare i lavori, dunque, abbiamo dovuto attendere la conclusione della stagione di punta e, per lo stesso motivo, dovranno concludersi prima dell’inizio della prossima, ossia verso la fine di aprile del 2019“.

    In aiuto dei coinquilini

    Il costo complessivo dell’opera ammonta a 2.575.722 kune (IVA inclusa), di cui 1.175.920 a carico del Fondo per la tutela dell’ambiente e l’efficienza energetica e 178mila a carico della Città, tramite il Dolcevita. L’appalto è stato assegnato alla polese Navi Coop, autorizzata da parte del Ministero della Cultura, mentre della supervisione dei lavori edili se ne occuperanno la ditta Alfa Inženjering di Slavonski Brod e i Conservatori di Pola.
    “Anche se il rifacimento delle facciate dei condomini è un obbligo dei coinquilini – conclude Matić –, l’opportunità di aderire a finanziamenti pubblici, con l’aggiunta della prospettiva di un risparmio energetico, li facilita notevolmente nella loro decisione. Non da ultimo, va inoltre considerato l’aumento del valore dello stesso immobile a tutto vantaggio dei coinquilini e una migliore immagine di Pola.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Mercoledì, 10 Ottobre 2018 11:14