Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
    ad Top header

    Droga ai Festival musicali. Multe per 343mila kune

    Parte della droga e del denaro confiscati Parte della droga e del denaro confiscati

    I Festival di musica elettronica Dimensions e Outlook da anni vedono impiegati in interventi di prevenzione e repressione, diversi agenti delle forze dell’ordine, in primo luogo dell’Antidroga per combattere lo spaccio di sostanze stupefacenti. Così è stato anche quest’anno in occasione dei due eventi svoltisi tra il 29 agosto e il 10 settembre e che hanno fatto confluire in Arena e a Punta Cristo circa 25mila persone. Ieri i rappresentanti della polizia, ovvero Valter Gržeta a capo del Settore per la lotta alla criminalità organizzata della Questura istriana e Vjekoslav Vukšić, a capo del Commissariato polese, hanno fatto il punto sull’attività svolta. Ebbene, la polizia ha comminato 103 multe da 3.333 kune per un ammontare complessivo di 343mila kune. Tra i trasgressori primeggiano i cittadini britannici con 104 infrazioni, seguiti a debita distanza da quelli nostrani con 24 casi. Complessivamente la polizia ha sequestrato 131 grammi di marijuana, 96,4 grammi di cocaina, 160 pasticche di ecstasy, 48 grammi di MDMA e 47,9 grammi di ketamina. Sequestrate pure 3.478 ampolle contenenti gas esilarante e 4.097 palloncini che di solito vengono riempiti con il gas di cui sopra. Durante i Festival sono stati evidenziati 8 reati di produzione e spaccio di sostanze stupefacenti, che hanno visto coinvolti 9 cittadini croati, 4 britannici, due irlandesi e un olandese. Nella vettura e nelle abitazioni usate da uno dei cittadini croati denunciati, i poliziotti hanno rinvenuto pure 280mila kune, che si presume abbia guadagnato con lo spaccio di droga. Stando ai responsabili della Questura, si sono verificati pure cinque casi di disturbo della quiete pubblica, uno di danneggiamento di beni altrui, tre furti di cui uno con scasso e un caso di atti osceni in luogo pubblico. Da rilevare infine che durante un concerto d’apertura in Arena, i poliziotti hanno pure confiscato un drone in quanto il proprietario, un giovane britannico, era sprovvisto del nullaosta che in questi casi viene rilasciato dall’Agenzia croata per l’aeronautica civile.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Mercoledì, 12 Settembre 2018 14:12