Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
    ad Top header

    Piscina in ritardo? Colpa dell’appaltatore

    Tiepida l’ora delle interrogazioni consiliari per questa 12.esima sessione del Consiglio municipale seguita nel giro di poche ore alla precedente, l’11.esima, congiunta con l’Assemblea regionale e dedicata esclusivamente alla crisi del cantiere navale. E infatti, nulla è parso più così importante ai consiglieri, in paragone alla più grave crisi dell’industria che la città ricordi. Tuttavia gli schieramenti in aula hanno cercato di ricomporsi alla bell’e meglio e sono partiti ciascuno con le proprie osservazioni, domande e mozioni. La prima è stata bocciata nel giro di un amen. Il consigliere Petar Ćurić (HDZ) è tornato a insistere chiedendo che la Città distribuisca gratuitamente a tutti gli alunni di Pola i manuali scolastici indispensabili. Questa volta il proponente ha anche corredato la mozione con documentazione e necessarie formalità richieste dal procedimento assembleare. Niente da fare. Il presidente del Consiglio municipale, Tiziano Sošić, non ha accettato di inserire la proposta nell’ordine del giorno e i consiglieri della maggioranza gli hanno dato manforte. L’amministrazione municipale – ha ribadito il presidente – ha un Piano sociale molto attento alle necessità della popolazione, e in particolare per quella sua parte che rientra nella categoria dei meno abbienti. Si dà il caso che la Città di Pola partecipi alle spese formative degli scolari disagiati, che sostiene i costi dei trasporti e del “doposcuola”, degli insegnanti di sostegno, delle borse di studio e altro. Inoltre ogni anno investe fior di quattrini nella manutenzione delle sedi scolastiche che effettivamente non versano più in cattive condizioni come un tempo.
    Altre interrogazioni più o meno opportune: a che punto siamo con la costruzione del canile e come aiutare gli esercenti del centrocittà contro la tendenza del commercio a migrare nelle periferie? (Siniša Gordić, SDP); come salvare il centro dal traffico incalzante durante la stagione turistica e a che punto sono i preparativi per l’opera di riqualifica del circondario dell’Arena? (Roberto Fabris, SDP); che cosa sta succedendo con le bollette della spazzatura? (Valter Boljunčić, IDS-DDI); perché diavolo sono in ritardo di quattro mesi i lavori al Polo natatorio? (Radenko Ognjenović, SDP) e via elencando. Le risposte del sindaco e degli assessori sono state o spedite o esaurienti. Spedita quella di Boris Miletić che ha liquidato come irrilevante, al momento, il problema del canile: “Permettete che accanto alla questione del crac del cantiere navale io non abbia tempo per progettare un canile”? Per il resto, si troverà tutto il tempo necessario a provvedere. Il recupero del circondario dell’anfiteatro partirà in gennaio, il Polo natatorio di Veruda verrà costruito entro il mese di ottobre e il ritardo sarà a spese dell’appaltatore perché le colpe sono unicamente sue. Quanto al traffico in estate, secondo l’assessore Škuflić va già molto meglio con la tangenziale nuova e le rotatorie di Montegrande. Per farlo andare anche meglio ci vorrà almeno un autosilo, ma nessuno degli investitori che inizialmente avevano ventilato l’idea di costruire si sono decisi a farlo: a quanto pare, ogni progetto preso in esame non risulta essere redditizio.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Mercoledì, 12 Settembre 2018 11:21