Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    «Pino Budicin», si punta al riassetto dell’estivo

    ROVIGNO | È possibile che riesca ad avverarsi il sogno della nuova dirigenza della Comunità degli Italiani “Pino Budicin” di dare nuova linfa al terrazzo estivo di Palazzo Milossa, sede del sodalizio. Infatti, all’ultima assemblea dell’Unione Italiana sono stati previsti nel piano finanziario 54mila euro per la manutenzione dello spazio all’aperto in cui si svolgono, da giugno a settembre, alcuni degli eventi più importanti della CI, come gli Appuntamenti Rovignesi, l’Italian Film Festival, nonché le varie serate durante le quali gli attivisti presentano le attività che portano avanti durante tutto l’anno.
    Come spiega la presidente Roberta Ugrin, il prossimo passo è quello di attendere l’approvazione da parte del Ministero degli Affari Esteri della Repubblica italiana. “Se questi verranno approvati procederemo innanzitutto con la sistemazione della parte laterale con il bar e i servizi igienici, che sono fuori funzione da anni, ormai, anche a causa del tetto pericolante”, rivela Ugrin, aggiungendo che la pavimentazione verrebbe poi sistemata in una seconda fase, visto che questo tipo di intervento comporta costi molto alti.
    Intanto, la Comunità degli Italiani ha approvato il piano per l’anno corrente che prevede in primo luogo la continuità delle manifestazioni tradizionali e dell’Italian Film Festival che verrà organizzato in agosto, in collaborazione con il Circolo italiano di cultura (CIC) di Adria. “La nostra intenzione – svela Ugrin – è di rafforzare la collaborazione con le istituzioni della Comunità Nazionale Italiana, con gli asili e le scuole della minoranza, volgendo particolare attenzione a quelle che sono le necessità dei nostri connazionali, per fare in modo che la nostra Comunità possa diventare un punto di ritrovo e una seconda casa in cui si sentiranno a proprio agio persone di tutte le fasce d’età”. 

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Giovedì, 07 Marzo 2019 14:43