Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    «Domenico Pergolis». A marzo il termine dei lavori

    ROVIGNO | Dovrebbero terminare entro il 15 marzo i lavori alla Casa di riposo per anziani e disabili “Domenico Pergolis”. Ad annunciarlo è stato il presidente del Consiglio Valerio Drandić nel rispondere, all’ultima seduta del Consiglio, alla domanda del consigliere dell’SDP, Goran Subotić.

    L’intervento verrà finanziato con 15 milioni di kune dalla Regione e con il medesimo importo dalla Città di Rovigno, per un totale di 30 milioni di kune. Subotić ha voluto sapere se, oltre ai ritardi nel termine dei lavori, questi supereranno l’importo stabilito, al che Drandić ha risposto che il costo supererà quello previsto per un paio di milioni, che considerando il valore dell’investimento non risultano eccessivi.
    La nuova ala attigua all’edificio esistente, costruito 117 anni fa grazie alla generosa donazione del concittadino Domenico Pergolis, avrà 2mila metri quadrati, grazie ai quali al pianterreno verranno garantite ulteriori capacità ricettive per 24 fruitori del soggiorno diurno e 12 fruitori fissi in otto camere singole, una doppia e un appartamento. Al primo piano troveranno sistemazione 17 assistiti non autosufficienti, che saranno sistemati in otto camere doppie e una singola. Al secondo piano sono previsti 12 posti per pazienti che soffrono di Alzheimer e demenza, che avranno a disposizione otto camere singole, una doppia e un appartamento.
    Il soggiorno avrà a disposizione anche una sala polivalente, due vani per il riposo, un guardaroba, servizi igienici, un vano per i servizi di consulenza, una piccola cucina e il ripostiglio. I lavori erano iniziati due anni fa, onde risolvere almeno in parte il problema delle scarse capacità ricettive della struttura, dopo che nel 2011 era stato sospeso l’uso della sede distaccata in via Zagabria, provvedimento che ha causato la perdita di 50 posti letto. L’ampliamento consentirà, pertanto, alla “Domenico Pergolis” di recuperare parte delle capacità ricettive mancanti, anche se le liste d’attesa sono molto più lunghe
    Stando a quanto detto dal presidente del Consiglio, tutti i lavori di costruzione sono già completati e al momento si sta provvedendo a interventi di natura tecnica.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Domenica, 03 Febbraio 2019 01:03