Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
    ad Top header

    E adesso chi fermerà lo «scandalo POS»?

    By Franco Sodomaco Settembre 12, 2018 121
    E adesso chi fermerà lo «scandalo POS»? Franco Sodomaco

    UMAGO | “Il comportamento di Diego Banković, responsabile dell’Ufficio del sindaco Vili Bassanese, pizzicato ad affittare ai turisti un appartamento acquistato con la formula dell’edilizia agevolata (POS), è moralmente inaccettabile e politicamente condannabile”. Lo hanno sottolineato ieri, senza mezzi termini, Daglas Koraca e Gabriela Bašić Đukarić, entrambi consiglieri municipali, nel corso di una conferenza stampa organizzata nel parco “Luciano Delbianco”, ossia davanti al Municipio.
    “Condanniamo apertamente l’atteggiamento di Banković – ha rimarcato Daglas Koraca, che è anche presidente della DDI di Umago –. In qualità di funzionario municipale dovrebbe dare l’esempio a tutti, invece... Il suo è un comportamento immorale e scandaloso. I consiglieri della Dieta avevano ripetutamente segnalato al Consiglio l’abuso che viene fatto con questo tipo di alloggi e la necessità di cautelarsi nel modo in cui lo ha fatto la Città di Cittanova. E il sindaco Vili Bassanese cos’ha risposto? Che la legge lo consente...”.
    “Cittanova – ha proseguito Koraca – ha aggiunto delle clausole ai contratti di compravendita degli alloggi che sono stati stipulati con gli inquilini, in base alle quali vengono tassativamente vietati sia l’affitto che la vendita per un periodo minimo di 5 anni. Scaduto questo termine la vendita è consentita, ma con un diritto di prelazione a favore della Città di Cittanova e alle medesime condizioni alle quali l’alloggio era stato acquistato. Per evitare casi come quello di Banković, davvero scandalosi, è necessario che la Città si tuteli una volta per tutte. Ci saremmo aspettati, inoltre, che il sindaco Vili Bassanese sanzionasse l’atteggiamento e il comportamento di Banković”.
    Da quanto abbiamo potuto apprendere, il “caso” non sarebbe nemmeno scoppiato se Banković, in un impeto d-arroganza, non avesse minacciato di chiamare la Polizia per “calmare” i bambini che stavano giocando troppo rumorosamente davanti alla sua casa, disturbando i turisti cui Banković stesso aveva affittato l’alloggio.
    Umago, intanto, sta preparando la costruzione di 120 nuovi alloggi assieme all’Agenzia degli immobili, nei paraggi tra la nuova zona commerciale e Spinel, per i quali ci sono già oltre 400 domande. Quest’argomento, pertanto, dovrà essere veramente affrontato di petto. In precedenza, quando l’ex Presidente della Repubblica Ivo Josipović aveva inaugurato una palazzina con una cinquantina di alloggi, un’inquilina aveva già denunciato un abuso edilizio da parte di un altro funzionario municipale, che poi era stato espulso dall’SDP, il partito di Bassanese.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Mercoledì, 12 Settembre 2018 11:11