Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
    ad Top header

    Investire nelle nuove generazioni

    La Scuola elementare italiana “Bernardo Benussi” La Scuola elementare italiana “Bernardo Benussi” Sandro Petruz

    ROVIGNO | Iniziato il nuovo anno scolastico, la Città di Rovigno ha colto l’occasione per annunciare tutte le novità e gli investimenti operati nel settore scolastico, come anche per ricordare i progetti di lunga data. “Ogni anno – ha rimarcato il sindaco Marko Paliaga nel corso di una conferenza stampa – il nostro impegno è finalizzato al miglioramento e all’innalzamento degli standard nelle strutture scolastiche, in modo da poter offrire ai nostri alunni un soggiorno quanto più sereno nelle scuole”.

    Sussidi per i più bisognosi

    Partendo dal sovvenzionamento dei libri di testo, la Città ha assicurato anche quest’anno 240mila kune per gli alunni delle scuole elementari le cui famiglie adempiono alle condizioni previste dalla Delibera sull’assistenza sociale. Il sussidio per gli alunni delle classi inferiori ammonta così a 500 kune, mentre quello per gli alunni delle classi superiori a 800 kune. Pertanto, c’è ancora tempo per inviare le richieste per i suddetti sussidi fino alla fine del mese.

    Promozione del bilinguismo

    La novità di quest’anno sarà l’acquisto da parte della Città dei libri di testo di lingua italiana per gli alunni delle elementari croate e, viceversa, dei libri di lingua croata per gli alunni della Scuola elementare italiana con lo scopo di promuovere il bilinguismo e avvicinare alla maggioranza la cultura e la lingua della Comunità nazionale autoctona, nonché i valori della multiculturalità sui quali da sempre si basa la Città di Rovigno. Si tratta, precisamente, di 806 libri di testo e quaderni attivi di italiano e 134 libri di testo e quaderni attivi di lingua croata.
    La Città ha provveduto, inoltre, ad attrezzare le aule di informatica di tutte e tre le scuole elementari (“Juraj Dobrila”, “Vladimir Nazor” e “Bernardo Benussi”) con 38 PC da tavolo e 6 lavagne intelligenti del valore di 240.780 kune.

    Scuole INclusive

    Anche quest’anno, verranno assicurati 9 insegnanti di sostegno in tutte le scuole elementari, nell’ambito del progetto “Scuole INclusive 5+”. La Città prevede per tale scopo una cifra di 60mila kune all’anno (il che corrisponde al 15% del valore complessivo del progetto). Oltre a ciò, verrà finanziato un assistente per un alunno che non è stato incluso nel progetto, ma per il quale esiste la necessità. La Città assicurerà a questo scopo 20mila kune annuali.

    Un’aula nuova per la «Bernardo Benussi»

    Con 30mila kune, la Città ha reso possibile l’adattamento di un’aula nella Scuola elementare italiana “Bernardo Benussi” per l’insegnamento della sezione per i bambini con difficoltà nello sviluppo e nell’apprendimento. L’aula è stata attrezzata con protezioni su pavimento e pareti, nonché attrezzature didattiche adatte, ossia dischi tattili, percorsi sensoriali, palle motorie, palline sensoriali luminose, lettini gonfiabili e altre attrezzature utili per rendere l’aula completamente funzionale e su misura degli alunni in questa sezione specifica.
    Nelle scuole elementari viene finanziato con 230mila kune anche il lavoro dei collaboratori professionali, ossia due psicologi, un logopedista e da quest’anno anche un pedagogo alla “Bernardo Benussi”, che lavorerà part-time.

    Trasporto gratuito

    Per gli alunni che frequentano le Scuole medie superiori la Città finanzia il 25% dell’abbonamento mensile al trasporto pubblico che in questo modo diventa completamente gratuito, visto che il rimanente 75% viene finanziato dai fondi del bilancio statale. A tale scopo la Città ha destinato 100mila kune per un totale di 50 alunni.
    In tutte le scuole elementari, compresa quest’anno quella di Villa di Rovigno – come annunciato dalla caposettore per gli Affari sociali Edita Sošić Blažević –, dove il progetto dovrebbe iniziare con la prossima settimana, la Città garantisce il soggiorno prolungato gratuito per gli alunni. Nel progetto, nel quale la Città ha investito un milione e 325mila kune, sono inclusi 10 insegnanti per altrettanti gruppi di studio.
    L’amministrazione cittadina finanzia in parte (con 164.700 kune dal bilancio) anche le lezioni di ginnastica e cultura fisica per mantenerle negli alti standard raggiunti e rendere possibili le lezioni separate per maschi e femmine.

    Borse di studio da ottobre

    Edita Sošić Blažević, caposettore per gli Affari sociali, ha colto l’occasione per invitare tutti gli interessati a presentare domanda al Concorso pubblico per le Borse di studio destinate ad alunni e studenti. Le richieste potranno essere inviate dal 1º al 15 ottobre. A questo scopo è stata allocata una somma pari a 1 milione e 800mila kune per un totale di 168 fruitori.

    La costruzione del nuovo asilo

    Alla conferenza stampa sono stati presentati anche progetti e investimenti minori nella manutenzione degli edifici scolastici. Come sottolineato dal sindaco, Marko Paliaga, il progetto principale è la costruzione del nuovo asilo a Villa di Rovigno. La nuova struttura sorgerà a fianco dell’edificio della scuola che accoglie, attualmente, anche la sezione periferica del Giardino d’infanzia “Neven”. Una volta ultimato il progetto, l’asilo potrà accogliere tre gruppi, inclusa una sezione nido, mentre l’edificio della scuola verrà riadattato per i bisogni del gruppo del soggiorno prolungato, che si terrà provvisoriamente negli spazi adattati dell’Associazione dei pensionati, come annunciato da Edita Sošić Blažević.

    Risistemazione degli ambienti

    Grazie a quest’importante progetto, per la prima volta in assoluto, i genitori residenti non dovranno viaggiare fino a Rovigno per portare i loro bambini all’asilo, ma potranno usufruire della struttura nella loro zona di residenza, che avrà la possibilità di accogliere bambini dal primo al settimo anno d’età. I lavori dovrebbero iniziare tra marzo e aprile del 2019. Il progetto prevede la costruzione, inoltre, di una sala polivalente per attività e manifestazioni, un guardaroba e una cucina distributiva.
    Con il nuovo edificio si otterrebbero 703m² di superficie utile, che permetteranno anche la risistemazione degli ambienti della struttura scolastica che attualmente ospita le due sezioni prescolari, frequentate da 43 bambini dai 3 ai 7 anni d’età.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Sabato, 08 Settembre 2018 12:10