Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    Regione Scende il tasso di criminalità

    By Damir Cesarec Marzo 15, 2019 43
    Regione Scende il tasso di criminalità foto: Željko Jerneić

    Scende il tasso di criminalità nella Regione litoraneo-montana. Il Dipartimento per la pubblica sicurezza della Questura di Fiume ha pubblicato le statistiche relative al 2018 e il principale dato emerso riguarda il numero di reati commessi che è stato di 3.625, contro i 4.366 dell’anno precedente, ovvero il -17% in meno. Nel dettaglio, si osserva un generale calo, a partire dai reati finanziari (-76,9%) e da quello in materia di sostanze stupefacenti (-6,3%). Stabili invece i crimini contro la sicurezza stradale (-0,9%), mentre l’unico aumento riguarda la criminalità organizzata, che ha visto un’impennata del 117,4%. Malgrado la decrescita, il totale dei danni materiali prodotti ammonta a 347,4 milioni di kune, contro i 73,3 registrati l’anno prima. Qui il dato che salta maggiormente all’occhio è quello dei reati finanziari che nonostante il sensibile calo, ha prodotto danni economici stimati in 296,1 milioni di kune, contro i 43,4 del 2017. Tra i principali delitti legati alla criminalità organizzata, hanno registrato un incremento l’immigrazione clandestina, estorsione, possesso illegale d’armi e contraffazione di denaro. Viceversa, sono scesi i casi di tratta degli esseri umani e della prostituzione.

    Giù la delinquenza minorile

    Un dato incoraggiante riguarda i reati commessi da minorenni, che hanno visto un calo del 35,1%. Tra i crimini più frequenti dei minori di 18 anni troviamo il furto e il furto aggravato, che però hanno registrato una flessione rispettivamente del 57,6 e dell’84,2%. Il trend dei delitti commessi si consolida invece nei reati più “classici” come rapine, borseggi, effrazioni, usura, truffe e frodi informatiche, che registrano in media un incremento di 5 punti percentuali. Il 2017 ha poi visto il reiterarsi di numerose altre forme di violenza: da quella fisica e psicologica a quella sessuale, dagli atti persecutori dello stalking alle minacce, che nella stragrande maggioranza dei casi riguardano le donne. Le statistiche evidenziano inoltre un aumento, seppure in maniera minore, dei reati contro la persona (+9,4%), contro il patrimonio (+2,0%) e in misura maggiore in merito al disturbo della quiete pubblica (+26,2%).

    Meno morti sulle strade

    Analizzando la suddivisione territoriale dei 3.625 reati commessi, 1.463 ricadono sull’area di competenza della Questura di Fiume, seguita dai Commissariati di Abbazia (318), Veglia (250) e Crikvenica (195). In fondo alla classifica troviamo invece Arbe (90), Vrbovsko (23) e Čabar (12). Dando infine uno sguardo alle strade, si evince un incremento del numero degli incidenti, ma di contro invece un sensibile calo delle vittime. Nel 2017 sulle strade della Regione si sono verificati complessivamente 3.477 incidenti, ovvero l’8,5% in più rispetto all’anno precedente. Nei sinistri 14 persone hanno perso la vita (-44,0%), 973 sono rimaste ferite, di cui 224 hanno riportato serie lesioni (+2,3%) e 749 ferite lievi (+11,5%). Delle 14 persone decedute, 7 hanno perso la vita sulle strade di Fiume, 3 ad Abbazia e 1 a Crikvenica, Veglia, Delnice e Vrbovsko.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Venerdì, 15 Marzo 2019 11:17