Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
    ad Top header

    Infobip. Un’impronta locale per una società globale

    By Damir Cesarec Dicembre 04, 2018 40
    Infobip. Un’impronta locale per una società globale Željko Jerneić

    Infobip, società leader mondiale nella fornitura di servizi e soluzioni di comunicazione mobile, è sbarcata a Fiume. Ieri mattina a Martinkovac, al civico 109, è andata in scena la cerimonia d’inaugurazione del nuovo ufficio della società fondata a Dignano nel 2006 dai fratelli, nonché connazionali, Silvio e Roberto Kutić, con il decisivo contributo di Izabel Jelenić. Numeri alla mano, la società conta oggi 60 uffici operanti in sei continenti, più di 1.300 dipendenti e 200mila tra aziende e sviluppatori a essa collegati. Oggi questa piattaforma di messaggistica raggiunge 6 miliardi di dispositivi mobili sparsi in 190 Paesi e l’anno scorso oltre il 60 per cento dei numeri di cellulari mondiali ha ricevuto almeno un messaggio elaborato dalla piattaforma Infobip. Alla cerimonia erano presenti rappresentanti della Città, della Regione, dell’Ateneo, della Camera regionale di economia, e all’appuntamento non sono voluti nemmeno mancare il Console generale a Fiume, Paolo Palminteri, il sindaco di Dignano, Klaudio Vitasović e il presidente del Consiglio municipale di Pola, Tiziano Sošić. L’apertura della sede di Fiume rappresenta un nuovo step nella strategia dell’azienda finalizzata a dare un’impronta locale a una società globale, consolidando la sua presenza in Croazia dove conta già le sedi di Dignano e Zagabria, permettendo quindi di rispondere al meglio alle esigenze dei propri clienti attraverso l’esperienza locale.

    Intuizione vincente

    “Oggi più che mai l’interfaccia tra le persone viene assecondata dalla tecnologia che consente una più semplice, veloce e sicura comunicazione con il mondo, e noi vogliamo essere parte di questa rivoluzione – ha sottolineato il CEO Silvio Kutić nel corso della cerimonia –. In quest’ufficio abbiamo assunto 40 giovani ingegneri dell’informazione e nel prossimo futuro contiamo di raddoppiare il loro numero. Un altro dei nostri obiettivi è quello di potenziare la collaborazione con il mondo accademico della città, offrendo la possibilità agli studenti di lavorare su vari progetti, per poi offrire loro un posto di lavoro”.
    La storia della Infobip inizia nel 2002 quando un gruppo di amici diede vita, a Dignano, al progetto “Comune virtuale”, un software in grado di mettere in contatto cittadini e istituzioni locali tramite delle applicazioni web. La loro intuizione si dimostrò vincente e quattro anni dopo arrivò la fondazione. Il resto è storia.
    “È incredibile pensare che tutto ciò ebbe inizio con due pc e altrettanti cellulari – ha aggiunto il vicesindaco Marko Filipović rivolgendosi ai fondatori –. Mi fa immensamente piacere che abbiate scelto proprio Fiume per il lancio dell’ufficio numero 60, in quanto si adatta perfettamente nella strategia perseguita dalla città e che tra le sue colonne portanti vede proprio lo sviluppo delle nuove tecnologie”.

     DSC9161
    Ambasciatori nel mondo

    Chi negli ultimi anni ha avuto modo di conoscere e apprezzare il lavoro dei “Kutić brothers” è il Console Palminteri.
    “L’apertura di quest’ufficio è strategica anche per i miei interessi personali visto che il prossimo anno terminerà il mio mandato e quindi tenetevi pronti a ricevere il mio curriculum tra qualche mese – ha scherzato –. Battute a parte, la vostra è una storia incredibile, com’è incredibile il vostro amore verso la vostra città natale, nonostante viviate praticamente su un aereo”.
    Non sappiamo se il suo curriculum verrà preso in considerazione, ma su una cosa il Console ha perfettamente ragione: la nostra comunità è molto fortunata ad avere due ambasciatori nel mondo come Silvio e Roberto.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Mercoledì, 05 Dicembre 2018 10:11