Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    Riduzione del debito e crescita dei ricavi

    CAPODISTRIA| Il Consiglio di sorveglianza del consorzio logistico capodistriano “Intereuropa” ha preso in visione i dati non verificati, sulla gestione della società nel 2018. Nel giro d’affari è stata registrata una crescita dei ricavi delle vendite e una ulteriore riduzione del debito contratto nelle gestioni precedenti. Con decorrenza dal primo marzo scorso l’”Intereuropa” ha raggiunto un accordo sulla ristrutturazione finanziaria e ha prorogato la durata del contratto. Lo scorso anno il consorzio ha fatto segnare 160,4 milioni di euro dei ricavi di vendita, che rappresenta il 7 per cento in più rispetto al 2017. La crescita del fatturato è stata raggiunta in tutti e tre i comparti d’affari del gruppo, trasporti terrestri, soluzioni logistiche e trasporti intercontinentali. L’indebitamento finanziario netto dell’”Intereuropa” è diminuito del 10 per cento, mentre gli investimenti nel 2018 figuravano tra i più alti degli ultimi anni, attestandosi sui 5,4 milioni di euro. Alla fine dello scorso anno, l’indebitamento finanziario netto del gruppo ammontava a 60,2 milioni di euro.
    Nella gestione 2018, l’utile netto ha raggiunto i 4,7 milioni di euro. Il consorzio di banche creditrici ha deciso d’integrare l’accordo sulla ristrutturazione finanziaria che disciplina gli obblighi della società, per cui è stata prorogata la validità del contratto fino alla fine di gennaio 2020.
    Nel frattempo saranno completati i preparativi per la cessione del 72 per cento del pacchetto azionario, detenuto dalle banche. Tra gli interessati a rilevare la storica azienda capodistriana vi sarebbe anche un colosso inglese.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Venerdì, 15 Marzo 2019 11:13