Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    A Teatro la rassegna del cinema italiano

    CAPODISTRIA| Da domani, mercoledì, al 21 maggio il Teatro di Capodistria ospiterà la rassegna “Cinema italiano”. La manifestazione è organizzata dal Consolato Generale d’Italia a Capodistria in collaborazione con la Facoltà di Studi Umanistici dell’Università del Litorale e l’ente teatrale. Sono cinque i titoli scelti per l’incontro cinematografico, culturale e linguistico con gli studenti, e non solo. La rassegna, infatti, è aperta a tutti e sarà occasione di confronto e promozione culturale, con una selezione che ha preferito titoli mai arrivati a Capodistria.
    A rompere il ghiaccio sarà la pellicola “Italy in a day”, un film documentario di Gabriele Salvatores per raccontare un giorno nella vita degli italiani. Il 26 marzo, invece, sarà proposto “Gli equilibristi” di Ivano de Matteo con Valerio Mastandrea e Barbora Bobulova. Due le proiezioni anche il prossimo mese, ossia “Apnea” di Roberto Dordit il primo aprile e “Tutti i santi giorni” di Paolo Virzì il 23 aprile. La rassegna si concluderà il 21 maggio con “Tir” di Alberto Fasulo, che farà il suo debutto sugli schermi sloveni. Tutte le proiezioni avranno luogo presso il Teatro di Capodistria con inizio alle ore 19,30. Le pellicole saranno in lingua italiana con i sottotitoli in inglese.
    “L’idea è quella di proporre il cinema italiano contemporaneo. La selezione è stata fatta con l’aiuto di Nives Zudič Antonič, responsabile del Dipartimento di Italianistica dell’Ateneo di Capodistria, visto che volevamo capire dove ci portavano le reciproche sensibilità. È stato interessante, abbiamo coinciso quasi su tutto, cosa che mi ha fatto molto piacere. Il cinema è sempre stata una mia passione, ovunque sono andato ho cercato di organizzare eventi simili. Credo che il linguaggio delle immagini sia particolarmente comprensibile e immediato. La nuova cinematografia italiana oltretutto è sempre interessante”, ha spiegato il Console Generale d’Italia a Capodistria, Giuseppe D’Agosto.
    Non è la prima volta che il Dipartimento di Italianistica si avvale del mezzo cinematografico per valorizzare ulteriormente la propria offerta formativa. “In passato abbiamo organizzato qualche proiezione, ma il problema era l’acquisto dei diritti. Siamo soddisfatti di aver trovato un partner nel Consolato per quest’iniziativa”, ha precisato la capo dipartimento Nives Zudič Antonič.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Martedì, 12 Marzo 2019 10:55