Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    Usare la lingua italiana nella vita quotidiana

    BERTOCCHI| Nell’ambito delle sue regolari visite nelle Comunità degli Italiani, il deputato italiano al Parlamento sloveno, Felice Žiža, ha fatto visita lunedì sera ai connazionali di Bertocchi. È stato salutato dal presidente del sodalizio, Gianfranco Vincoletto, che ha quindi lasciato la parola al parlamentare per impostare una discussione con i presenti sui problemi che assillano la CNI. Il dott. Žiža ha posto l’accento, come fa sempre in queste occasioni, sull’attuazione del bilinguismo e l’uso della lingua italiana nella vita d’ogni giorno. Ha fatto appello affinché non si rinunci a un diritto acquisito degli italiani che vivono nel territorio nazionalmente misto dei quattro Comuni costieri. Le esperienze raccolte dimostrano che nella pubblica amministrazione esiste la disponibilità e la competenza a condurre i procedimenti amministrativi anche in italiano. Ciò rispecchia del resto la sensibilità dei ministeri competenti, soprattutto funzione pubblica, istruzione e affari interni, a cambiare le norme di legge e i regolamenti che consentano poi di applicare coerentemente il bilinguismo. Altrettanto andrà fatto con la legge sull’esposizione delle bandiere, dove manca un’uniformità di trattamento del tricolore italiano. Sulle sedi di numerose istituzioni statali non viene esposto, poco chiaro il comportamento degli enti pubblici e anche degli organizzatori di manifestazioni sportive. Si procederà come detto dal deputato žiža a rivedere le norme di legge, ma anche a chiedere l’intervento a livello locale dei vicesindaci italiani e delle CAN comunali. Parlando delle altre iniziative legate al bilinguismo, ha riferito della recente trasmissione televisiva dedicata all’argomento e della serie di tribune pubbliche in fase di preparazione, anche in collaborazione con i connazionali della parte croata dell’Istria e del Fiumano, per allargare il dibattito alle Comunità degli Italiani. Tornando al Capodistriano, è stato ripetuto che saranno armonizzati quanto prima i decreti comunali sul bilinguismo, in accordo con i Consigli comunali. Žiža e i connazionali di Bertocchi si sono ripromessi di tornare a incontrarsi nell’autunno prossimo. 

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Mercoledì, 06 Marzo 2019 16:29