Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    Vicesindaco: il sostegno a Scheriani

    Mario Steffè e Alberto Scheriani Mario Steffè e Alberto Scheriani

    CAPODISTRIA | Dovrebbe essere nota lunedì prossimo la decisione del sindaco di Capodistria, Aleš Bržan, sul nome del nuovo vicesindaco italiano. Il primo cittadino si è riservato ancora qualche giorno di tempo per esprimersi, dopo l’ultima presa di posizione della CAN comunale, riunitasi mercoledì sera a porte chiuse. I consiglieri hanno esaminato la singolare richiesta di Bržan di pronunciarsi su quali consiglieri comunali ai seggi specifici (Ondina Gregorich Diabatè, Alberto Scheriani e Mario Steffè), tra i quali va designato il vicesindaco, sarebbero inaccettabili (!) per la CNI per tale incarico. In un comunicato, emesso ieri, la CAN capodistriana considera “inappropriata e lesiva della condotta morale dei consiglieri della CAN, la richiesta del primo cittadino ribadendo la contrarietà a esprimere formalmente alcun tipo di giudizio negativo su un qualsiasi connazionale e rappresentante democraticamente eletto”. Il Consiglio della CAN di Capodistria rileva oltretutto di avere già espresso e ribadito pubblicamente il suo appoggio alla nomina del consigliere comunale Alberto Scheriani alla carica di vicesindaco, in rappresentanza della Comunità Nazionale Italiana. “Le motivazioni”, così nella nota, “risiedono nella sua pluriennale e comprovata efficacia a tutti i livelli attuativi e di coordinamento in seno al Comune e non solo. In veste di presidente della CAN costiera e di rappresentante della CNI presso la Commissione interministeriale della Repubblica di Slovenia, ha contribuito in innumerevoli circostanze a risolvere questioni di primaria importanza per la CNI. Non ha mai mancato di difendere gli interessi della CNI e di supportare tesi e singoli individui impegnati in attività volte a mantenere e migliorare uno e più aspetti legati alla componente minoritaria. Svariati i progetti comunali che riguardano la Comunità italiana concretizzati per sua iniziativa nel corso degli anni, fra i quali molti di rilevanza regionale e nazionale, attuati grazie al suo impegno nel coordinare le numerose realtà minoritarie e nel sapersi confrontare con i vari soggetti e i vertici sia municipali sia statali”. Nella nota si fa oltretutto presente che alle ultime elezioni amministrative ha votato il 67 per cento dei connazionali e che il candidato Alberto Scheriani ha ottenuto la maggioranza assoluta dei voti. “Pertanto anche dalla consultazione elettorale si evince il candidato prescelto dalla CNI. Da tutto quanto sopra esposto scaturisce la legittima richiesta del Consiglio della CAN di Capodistria di proporre alla nomina di vicesindaco Alberto Scheriani”, è detto ancora nel comunicato.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Venerdì, 08 Febbraio 2019 11:30