Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    Casi di mobbing? Preside nel mirino

    ISOLA| Potrebbe giungere all’ordine del giorno dell’odierno Consiglio comunale isolano la delicata vicenda sui contrasti in seno alla scuola elementare italiana “Dante Alighieri“ di Isola. In una lettera anonima, circolante da tempo, la preside Simona Angelini viene accusata di mobbing e comunicazione inadeguata con i dipendenti e i genitori. Rispondendo all’agenzia stampa STA e a TV Capodistria, l’interessata ha già respinto ogni addebito. A suo avviso il processo pedagogico si svolge regolarmente, il dialogo con il personale docente e non docente è corretto e altrettanto sarebbero i contatti con i genitori degli alunni. Le accuse a suo carico sarebbero inventate, con l’evidente intenzione di denigrare lei stessa e alcune sue colleghe. La preside Simona Angelini, che guida l’istituto da 12 anni, ha fatto, però, presente che esige dai dipendenti che il loro lavoro sia di qualità. Circa un presunto caso di nepotismo, risalente a due anni fa, una revisione aveva riscontrato irregolarità in un’assunzione e aveva multato la scuola, rimettendo le cose a posto. Il Consiglio dell’ente, guidato da Evelin Kolarec, sebbene con qualche parere divergente, è intenzionato ad avviare le procedure per sollevare dall’incarico la preside. Prima di agire sta cercando di avere ancora qualche consulenza legale. L’informazione è stata trasmessa ai cofondatori della scuola, il Comune e la CAN comunale, che però hanno assunto una posizione univoca, difendendo il principio della presunzione d’innocenza. “In questa fase della vertenza non siamo competenti per prendere alcuna iniziativa, in attesa che l’inchiesta sia avviata e presenti eventuali prove per le gravi accuse formulate. Soltanto allora la CAN di Isola valuterà la documentazione e potrà prendere posizione. Ora non ha alcuna intenzione, invece, di sostituirsi agli organi inquirenti“, ci ha dichiarato il presidente della CAN di Isola, Marko Gregorič. In città circola voce che almeno due gruppi consiliari intendano proporre al Consiglio municipale di trattare già oggi la delicata questione.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Giovedì, 31 Gennaio 2019 13:25