Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    L’Aeroporto parla serbo

    PORTOROSE| L’imprenditore serbo Miodrag Kostić controlla da alcuni giorni il pacchetto di maggioranza dell’Aeroporto di Portorose. Tramite la società “Alberghi Palace”, di sua proprietà, ha acquisito il 15 per cento delle azioni detenute dal Porto di Capodistria, detenendo ora il 53% del pacchetto azionario complessivo. Dal 2017 quando entrò a far parte degli azionisti, Kostić ha progressivamente acquisito le azioni in mano all’Aeroporto di Lubiana e alla holding capodistriana “Istrabenz”. Gli altri due azionisti sono il Comune di Pirano (36,2%) e la ditta “CPK” (10,25%). La manovra è stata salutata dalla dirigenza dello scalo nella piana di Sicciole, rilevando che Kostić è un uomo d’affari affidabile, che ha una chiara visione di sviluppo per il comparto turistico in regione, dove è presente da anni anche come titolare del lussuoso albergo “Kempinski Palace”. Il trasporto aereo dei villeggianti è riconosciuto come un elemento decisivo per fare decollare ulteriormente l’industria dell’ospitalità nella fascia costiera. Tutti i tentativi in questo senso sono finora falliti, anche perché la pista dell’aeroporto è troppo corta per accogliere velivoli di grandi dimensioni, con i quali instaurare linee regolari con le principali capitali europee. Nei piani ci sarebbe l’allungamento di ulteriori cento metri, osteggiato però dagli ambientalisti vista la vicinanza dell’area protetta delle saline.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Sabato, 05 Gennaio 2019 11:13