Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
    ad Top header

    «Tomos», si profila il rischio del processo fallimentare

    Dopo trent’anni il marchio “Tomos” torna a essere coinvolto in un processo fallimentare. Nel 1988 fu smantellato il colosso industriale, che era arrivato a impiegare sino a 2800 persone. Il futuro della piccola azienda di 25 operai che aveva mantenuto finora in vita la produzione di motocicli a Capodistria, è nelle mani del Tribunale. Dopo non aver percepito due salari e i contributi relativi, l’indennizzo ferie e nemmeno gli aiuti dal Fondo di solidarietà, i dipendenti avrebbero sfruttato i benefici di legge e chiesto l’avvio del procedimento fallimentare, per poter accedere al sussidio di disoccupazione della previdenza sociale. Il grave passo è stato confermato dal Sindacato dei metalmeccanici che ha precisato come i proprietari della “Tomos” abbiano ancora la possibilità di presentare la loro visione della crisi ai giudici e impedire il fallimento. A loro avviso, nonostante le difficoltà, esisterebbero ancora spazi di manovra per salvare la fabbrica e i posti di lavoro. Ammettono il mancato pagamento delle paghe, ma affermano che i contributi previdenziali sono stati versati. L’agenzia stampa STA ricorda che tempo fa l’Ufficio delle imposte aveva bloccato i conti della “Tomos”, mentre il consorzio “Hidrya” proprietario del marchio, sostiene di aver vietato la commercializzazione dei motocicli.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Sabato, 01 Dicembre 2018 13:54