Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
    ad Top header

    Elezioni. Verificate le candidature

    Ieri è scaduto un altro dei termini importanti in vista delle elezioni amministrative in Slovenia del 18 novembre prossimo. Entro la mezzanotte le Commissioni elettorali hanno dovuto confermare o meno l’elenco dei candidati a sindaco e a consigliere comunale. Eventuali irregolarità segnalate potranno essere contestate dai diretti interessati presso i Tribunali amministrativi, che avranno tre giorni per esprimersi. In questa fase si è provveduto a verificare numerosi dettagli sui pretendenti ai vari incarichi, come i sostegni alla loro candidatura e l’effettiva residenza fissa. Quest’ultima è condizione imprescindibile per presentarsi alle comunali. Molto spesso è risaputo che alcuni potenziali primi cittadini non risiedono permanentemente nelle municipalità che desiderano amministrare. Il cambio di residenza è relativamente semplice, ma per le Unità amministrative non è altrettanto agevole constatare che non ci siano malversazioni. Le statistiche indicano che per i 212 posti di sindaco disponibili, i candidati in corsa sono oltre 600. Nella fascia costiera per 4 poltrone, a Pirano, Isola, Capodistria e Ancarano sono in lizza 35 esponenti di partito, di liste civiche e indipendenti. Scorrendo lo scadenzario elettorale, vale la pena ricordare ai cittadini che possono chiedere l’accesso ai propri dati iscritti negli elenchi elettorali. In tal modo possono verificare l’inserimento nell’elenco stesso e che le generalità siano iscritte correttamente. Sino al 7 novembre, invece, possono chiedere il voto per posta coloro che il giorno delle elezioni saranno ricoverati in ospedale, sono assistiti presso le Case di cura, oppure stanno scontando una pena detentiva. La stessa agevolazione sarà concessa agli invalidi che presenteranno alla commissione elettorale il certificato medico comprovante il loro stato di salute.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Sabato, 03 Novembre 2018 11:34