Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
    ad Top header

    Ambasada Gavioli Segnali di vita?

    ISOLA| La discoteca più famosa dell’Istria sembra non aver ancora detto l’ultima parola. L’8 dicembre prossimo il club Ambasada Gavioli, infatti, spegnerà le sue 23 candeline. Nonostante i 1600 metri quadrati sui quali si espande la discoteca siano stati venduti l’anno scorso dalla “Mercator” alla ditta “Elektro Turnšek” di Celje, ancora non ci sono stati cambiamenti nell’edificio. Durante l’estate la fine sembrava scritta, tanto che erano state annunciate addirittura alcune aste per vendere l’inventario della discoteca, ma all’ultimo sono state sempre annullate. Non c’è dubbio che il Gavioli sia più di un mero posto per andare a ballare per gli amanti della musica elettronica. È stato la culla dell’omonima scena musicale del nostro territorio, ha ospitato i nomi più affermati e importanti a livello globale e un ottimo trampolino di lancio per artisti sloveni che nella “cattedrale dei colori lussuosi”, si sono fatti le ossa e oggi vantano una riconoscibilità mondiale, come il capodistriano Valentino Kanzyani. Il club che porta il nome del suo architetto, Gianni Gavioli, è stato pure oggetto di un documentario nel 2013, intitolato appunto “La cattedrale dei colori lussuosi” girato da Rok Jurman e Črt Butul che hanno cercato di catturare anche l’importanza architettonica che l’“Ambasciata” ha per il territorio. Nel 2015 ha celebrato i 20 anni, con la visita dello stesso Gavioli, che reputa la discoteca isolana tra i cinque progetti più significativi della sua carriera e ha un posto particolare per l’architetto modenese di nascita, visto che gli ideatori gli diedero carta bianca. Tra gli elementi più iconici ricordiamo il balcone ispirato a quello di Giulietta Capuleti della tragedi
    a shakespeariana. Come lo scorso anno, anche nel 2018 si festeggerà l’anniversario, sebbene non sia ancora stata annunciata la scaletta e sia misterioso anche l’organizzatore dell’evento. Fatto sta che la serata, annunciata sulla piattaforma social Facebook, ha riscosso grande interesse e già tempo fa l’attuale proprietario aveva lasciato aperta la possibilità di mantenere l’attività nella cosiddetta “saletta VIP”, soprattutto se l’evento di dicembre avrà un riscontro positivo.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Venerdì, 02 Novembre 2018 14:13