Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
    ad Top header

    Festa dei salinai Tradizione secolare

    PORTOROSE| Sabato prossimo, 25 agosto, la municipalità e l’Auditorio di Portorose organizzano la sedicesima edizione della Festa dei salinai. Quest’anno la manifestazione viene proposta in due parti, dopo che per molto tempo la si celebrava in aprile, in concomitanza con la festa del patrono San Giorgio, quando tradizionalmente i salinai partivano verso la saline.

    “In questo periodo, tuttavia, Pirano è piena di turisti che rimangono particolarmente affascinati da queste tradizioni” ha rilevato ieri Dragica Petrovič, direttrice dell’Auditorio durante una conferenza stampa. 
    I responsabili hanno altresì anticipato che in caso di maltempo la manifestazione verrà posticipata a sabato, 1.mo settembre. 
    “Si tratta di una tradizione che dura da oltre 700 anni. Negli atti storici le saline di Sicciole venivano nominate per la prima volta nel 1274, nello Statuto piranese” ha ricordato nel suo intervento Vojka Štular, del Comune di Pirano, aggiungendo che il sale piranese è una ricchezza conosciuta nel mondo, che viene esportata anche negli Stati Uniti e in Cina. Tornando al programma della manifestazione, sabato si svolgerà sia nel centro cittadino sia nelle saline di Sicciole.

    A Pirano i contenuti si articolano nella parte mattutina e in quella pomeridiana, che avrà il suo clou alle ore 18, per quando è previsto il rientro in città del gruppo dei salinai attivo in seno alla Comunità degli Italiani “Giuseppe Tartini”. Seguirà l’inaugurazione ufficiale della cerimonia, con l’intervento del sindaco, Peter Bossman, affiancato dal parroco, Zorko Bajc che benedirà il sale. Come ha tenuto a far presente Giorgina Rebol, del gruppo “Famea dei salineri”, sul palco in Piazza Tartini gli attivisti presenteranno il lavoro e la vita dei salinai. 
    In mattinata verranno pure organizzate la merenda dei salinai e una caccia al tesoro, attività entrambe coordinate dal sodalizio “Tartini”.

    Tra le altre particolarità, di quest’edizione della manifestazione, illustrate da Mojmir Kovač, che ha collaborato all’organizzazione degli eventi, verrà approntato un gigantesco mucchio di sale dal quale ciascuno dei visitatori potrà portarsi via un sacchettino gratuitamente. Nelle saline, invece, come spiegato dal direttore Klavdij Godnič, sarà Giornata delle porte aperte e gli ospiti potranno assistere al lavoro dei salinai e alla raccolta del sale. In mattinata saranno organizzate visite guidate, laboratori e proiezioni. Alle ore 18 è in programma la sagra dei salinai a Sicciole, mentre domenica è prevista la tradizionale Santa messa che sarà officiata nella Chiesa di San Bortolo.

    Rate this item
    (0 votes)